Info su Whatsapp, il Comune di Maglie lancia il servizio di news

giovedì 12 aprile 2018

Per attivare il servizio basta inviare un messaggio attraverso Whatsapp con il seguente testo: “ATTIVA NOTIZIE”.

Il Comune di Maglie ha attivato un servizio di messaggistica gratuito tramite la applicazione Whatsapp: i messaggi sono inviati in modalità broadcast, quindi nessun utente potrà vedere i contatti altrui. La procedura per l’iscrizione è molto semplice: se non già presente, installare l’applicazione WhatsApp sul proprio cellulare. Salvare sulla rubrica del proprio cellulare il numero di telefono 3357628803 (consigliamo come nominativo di inserire “MaglieInforma news”, URP o URP Whatsapp) Inviare un messaggio attraverso Whatsapp con il seguente testo: “ATTIVA NOTIZIE”.

Con l’assenso all’attivazione del servizio del Comune di Maglie di messaggistica istantanea WhatsApp al numero 3357628803, si accetta di entrare nella lista dei contatti WhatsApp del Comune di Maglie ma anche di non poter né chiamare né inviare messaggi attraverso il medesimo canale. Con l’invio del messaggio di iscrizione, l’utente dichiara di aver letto e accettato la policy e autorizza il Comune di Maglie a trasmettere informazioni tramite WhatsApp. Si riceverà successivamente un messaggio di conferma dell’avvenuta iscrizione con un testo di benvenuto e l'invito a leggere la policy del servizio.  Ogni numero telefonico resterà anonimo e sarà utilizzato nel rispetto della legge sulla privacy.

Il servizio può essere disattivato in ogni momento, inviando il messaggio “DISATTIVA NOTIZIE”.  Per eventuali informazioni e segnalazioni sul servizio o difficoltà nella registrazione, scrivere a urp@comune.maglie.le.it, urp.maglie@gmail.com

Altri articoli di "Società"
Società
11/12/2018
È quanto emerso nell’incontro tra il ...
Società
11/12/2018
Via al percorso di alfabetizzazione di lingua italiana. Le ...
Società
10/12/2018
È stato maestro di judo e già presidente provinciale della ...
Società
09/12/2018
Una grande iniziativa targata Regione Puglia e Provincia di ...
L’Organizzazione Mondiale della Sanità avvisa: l’abuso di antibiotici ha prodotto ceppi di batteri ...
clicca qui