Biblioteca di Sarajevo, cambio al vertice: Giancarlo Costa Cesari eletto presidente

domenica 8 aprile 2018

Succede a Lucio Montinaro che entra a far parte del collegio dei Probi Viri insieme ad Annamaria Mangia e Paola Cillo.

Il 4 aprile scorso si è tenuta l’assemblea dei soci di ARCI-Biblioteca di Sarajevo in cui, all’unanimità, sono stati eletti i nuovi organismi dirigenti dell’Associazione.

Il nuovo Consiglio Direttivo è così composto: Giancarlo Costa Cesari (Presidente) Ilenia Cotardo (Vice-Presidente) Davide Greco (Tesoriere) Mino Giannuzzi Daniela Tamborino Guido Greco. Il Collegio dei probiviri: Annamaria Mangia (Presidente) Paola Cillo e Lucio Montinaro.

Gli eletti hanno ringraziato tutti i soci che hanno preso parte all’assemblea ed in particolare il Presidente uscente Lucio Montinaro insieme a tutti i dirigenti giunti a fine mandato per aver saputo guidare in momenti difficili l’associazione e superare quelle difficoltà che a molti erano sembrate insormontabili.

Invece, soprattutto negli ultimi mesi, si è registrato un aumento delle attività sociali accompagnato da un incremento delle adesioni. Qui si ricordano, a titolo di esempio, solo le ultime iniziative come lo studio su Salvatore Toma condotto nell'ambito della convenzione con L'Alca e che ha visto la partecipazione di alcune scolaresche, il dibattito su TAP in cui è stato coinvolto il Coordinamento Tutela del Territorio Magliese che il 10 febbraio ha organizzato l’incontro informativo sul tema, la rassegna “Dalla campagna alla campagna…” dalla quale sono partite delle collaborazioni con diverse realtà che hanno portato alla nascita del locale Gruppo di Acquisto Solidale presso la Masseria Calamauri.

Inoltre continua il percorso “Autori.Territorio” ed una stretta collaborazione con gli altri circoli ARCI della provincia. In questi anni così difficili per l’associazionismo diventa ancora più importante per un’associazione come ARCI-Biblioteca di Sarajevo, nata nell’ormai lontano 2001, essere gruppo coeso aperto al dialogo e al confronto. L’augurio di tutti i dirigenti è che ciascuno socio sappia interpretare questa esigenza contribuendo a fare del Sodalizio un sicuro punto di riferimento per chi voglia avviare sul nostro territorio un sano dialogo mirato allo sviluppo civile e culturale tenendo fermi i punti come l’antifascismo, l’antirazzismo ed il superamento delle barriere che si frappongono al raggiungimento di vere pari opportunità per tutti senza alcuna distinzione di genere, di ceto economico, di provenienza.

Nella foto la presentazione del Gas

Altri articoli di "Società"
Società
19/07/2018
Il Tar ha deciso di respingere la richiesta di un ...
Società
18/07/2018
Avrà una capacità finale di fornire la fase ...
Società
18/07/2018
Di seguito la nota con la quale il sindacato ha voluto ricordare Teresa Russo, vittima di ...
Società
17/07/2018
Domani l’installazione di 125 metri lineari di pedana ...
Allergie, evitare le tragedie attraverso la consapevolezza. L'allergologo Minelli: "Smettiamo di dire che le ...
clicca qui