Erosione costiera e riforma concessioni balneari: dibattito sul futuro delle spiagge

mercoledì 21 febbraio 2018

A Lecce, domattina, un dibattito tra i candidati di Movimento Cinque Stelle, Liberi e Uguali, Forza Italia e Partito democratico, sulla riforma che il prossimo parlamento dovrà affrontare. Appuntamento al Grand Hotel Tiziano nell’ambito della Btm.

Faccia a faccia tra politici sulla scottante vicenda delle concessioni balneari: il 22 febbraio alle ore 11 si terrà a Lecce un dibattito politico sulla riforma delle spiagge, organizzato dal portale Mondo Balneare e dall’associazione Federbalneari Salento in vista delle elezioni del 4 marzo.

In programma al Grand Hotel Tiziano nell’ambito della BTM Puglia, l’evento metterà a confronto gli esponenti delle quattro principali coalizioni in lizza per il voto: per il centrosinistra interverranno Dario Stefàno e Salvatore Capone (Partito democratico), per il centrodestra Luciano Cariddi (Noi con l'Italia), Paolo Pagliaro e Luigi Vitali (Forza Italia), per il Movimento 5 Stelle Barbara Lezzi e Iunio Valerio Romano, per Liberi e Uguali Massimo D'Alema.

A moderare il dibattito sarà il giornalista Alex Giuzio, caporedattore del portale di settore Mondo Balneare. I saluti introduttivi saranno a cura di Mauro Della Valle (presidente Federbalneari Salento), mentre al termine del dibattito tirerà le conclusioni il noto avvocato Giorgio Portaluri, nei panni di chairman.

In seguito alla direttiva europea Bolkestein del 2006 sulla liberalizzazione dei servizi, che vorrebbe imporre di istituire le procedure di gara per riassegnare la gestione delle spiagge, migliaia di stabilimenti balneari italiani sono in un grave vuoto normativo: nessun governo è finora riuscito a concludere una riforma che restituisca certezza agli attuali imprenditori, i cui titoli scadono nel 2020, pertanto sarà il prossimo parlamento a doversi necessariamente occupare di una nuova legge sulle concessioni demaniali marittime a uso turistico-ricreativo. Per questo, prima del voto gli imprenditori balneari vogliono conoscere le posizioni dei vari partiti in lizza, che emergeranno nel corso del dibattito. Saranno infatti coinvolti alcuni deputati uscenti che hanno seguito da vicino, per conto delle rispettive forze politiche, l’iter della riforma proposta dal governo Gentiloni e arenatasi lo scorso dicembre in Senato.

In piena parità di condizioni, tutti gli esponenti risponderanno alle medesime domande e avranno lo stesso tempo a disposizione. L’evento è a partecipazione libera e gratuita.

Il dibattito di Lecce è la seconda iniziativa organizzata da Mondo Balneare con lo stesso format: già lo scorso 9 febbraio il noto portale di settore, riferimento di tutti gli imprenditori balneari d’Italia, ha messo in piedi un’analoga iniziativa a Ravenna, seguita da circa 400 persone in sala e oltre 2500 in diretta streaming.

Nel pomeriggio del 22 febbraio si terrà inoltre un secondo convegno sul tema "Gli scenari dell'erosione costiera e le imprese balneari", per discutere sulle possibili soluzioni in merito a un problema ambientale sempre più grave, insieme ad alcuni tra i massimi esperti in materia. Interverranno all'incontro, coordinato dal caporedattore di Mondo Balneare Alex Giuzio, l'ing. Giuseppe Roberto Tomasicchio (ordinario di idraulica e costruzioni marittime all'Università di Bari), Roberto Lorenzi (Italdraghe spa), Giovanni Coppini (Centro euro-mediterraneo sui cambiamenti climatici), Mauro Della Valle (presidente Federbalneari Salento), Renato Papagni (presidente Federbalneari Italia e rappresentante delle imprese balneari nel progetto "Progettare l'Italia Sicura" a cura della Presidenza del consiglio).

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
19/07/2018
Il ministro all’agricoltura in visita in Puglia e sul ...
Ambiente
19/07/2018
Il Comune di Galatina ha ottenuto un importante ...
Ambiente
18/07/2018
Il Capo dello Stato in visita al presidente azero ha ...
Ambiente
17/07/2018
San Cesario, Lizzanello, Lequile e San Donato hanno ...
Allergie, evitare le tragedie attraverso la consapevolezza. L'allergologo Minelli: "Smettiamo di dire che le ...
clicca qui