Le Iene rilanciano: "Barbara Lezzi ha ritirato il bonifico, lo dice la banca"

domenica 18 febbraio 2018
La seconda puntata dell'inchiesta sui rimborsi falsati di alcuni parlamentari Cinque Stelle. La parlamentare leccese è stata "multata" di tre mensilità.

La banca smentisce Barbara Lezzi? Sembrerebbe di sì, stando a quanto riportato nella seconda puntata dell'inchiesta delle Iene, che ha dato il via al “caso rimborsi” nel Movimento Cinque Stelle.
La parlamentare leccese è stata tirata in ballo insieme al collega salentino Buccarella ma, a differenza di quest'ultimo, nei suoi confronti non sono stati presi provvedimenti: nella lista dei rimborsi manca all'appello – come ammesso dalla stessa Lezzi – un bonifico da 3.500 euro.
Cosa è accaduto? Così scrivono Le Iene: “Lei sostiene che il bonifico sia stato rifiutato e che lei non l'avesse mai revocato. Ma Le Iene hanno sentito la sua banca che con carte alla mano dice che quel bonifico è stato revocato dal cliente. Antonio Bordiga, responsabile dei sistemi di pagamento di Banca Sella, al microfono di Filippo Roma ha detto che la revoca di un bonifico può essere fatta solo tramite richiesta e firma del cliente”. Barbara Lezzi avrebbe, dunque, mentito.
C'è da dire, tuttavia, che, scontrino alla mano, ha dimostrato che, una volta scoperto il “buco” ha effettuato un versamento per lo stesso importo al fondo per le imprese. Il M
ovimento Cinque Stelle ha deciso di applicare nei suoi confronti una penale:   "D'accordo col Movimento verserà tre mensilità di restituzione in più al fondo per il microcredito come penale per l’errore fatto".

 

Altri articoli di "Tv/Radio"
Tv/Radio
12/12/2018
Il giovane “ornitologo” Barberini incontra la ...
Tv/Radio
06/12/2018
Giuliano Sangiorgi, ospite degli studi di Rds, canta "Per uno come me" in ...
Tv/Radio
06/12/2018
Ultimi giorni da giurata per la chef stellata del ...
Tv/Radio
05/12/2018
Domani pomeriggio una vera e propria ribalta mediatica ...
La ricerca segna un altro risultato nella lotta contro il cancro: gli studi di Tor Vergata mettono in luce nuovi ...
clicca qui