Xylella, etichette obbligatorie, lotta all’agripirateria: le proposte di Coldiretti ai candidati

sabato 17 febbraio 2018

Coldiretti Lecce chiede ai candidati alle Politiche di sottoscrivere il “manifesto per la rigenerazione agricola”: gli incontri pubblici previsti a Surbo e a Tricase il 19 e il 23 febbraio.

Sei proposte per i primi 100 giorni di governo. È il manifesto politico che Coldiretti Lecce chiederà di sottoscrivere, in vista delle elezioni del 4 marzo, ai candidati al Parlamento dei colleghi salentini in due incontri pubblici, il 19 febbraio a Surbo ed il 23 febbraio a Lucugnano (Tricase), ai quali parteciperanno gli imprenditori agricoli della provincia.

L'occasione per lanciare una serie di proposte strategiche, a partire dall'adesione al progetto di rigenerazione dell'agricoltura salentina.

Lunedì 19 febbraio, alle 17.30, nel Frantoio Oleificio “Agro” a Surbo (via Appia Antica), il presidente di Coldiretti Lecce, Pantaleo Piccinno ed il direttore Giuseppe Brillante, dialogheranno con Salvatore Capone (Pd), Francesco Bruni (Noi Con l'Italia), Diego De Lorenzis (Movimento 5 Stelle).

Martedì 23 febbraio, alle 17.30 nell’agriturismo Santa Croce a Lucugnano (Tricase, via della Croce), il dialogo avverrà con Francesco Boccia e Teresa Bellanova (Centro Sinistra), Andrea Caroppo e Rocco Palese (Centro Destra).

Priorità assoluta all’emergenza Xylella - Coldiretti Lecce chiederà un sostegno concreto per la rigenerazione agricola e del paesaggio salentino, che passa anche dalla realizzazione di infrastrutture per l’erogazione d’acqua, dal miglioramento della logistica, dalla sicurezza nelle campagne. E poi risorse adeguate per la ricerca e assunzione di ruolo del Salento come luogo nel quale realizzare il laboratorio a cielo aperto per la sperimentazione di tutte le soluzioni possibili al contrasto di Xylella fastidiosa.

Gli altri 5 punti del manifesto nazionale di Coldiretti, tutti a costo zero ma estremamente strategici sono: etichettatura - In attesa di una ri-armonizzazione del Regolamento europeo con le normative nazionali, l’Italia si impegna a confermare i propri decreti nazionali sull’etichettatura (latte, grano, pasta, riso, derivati del pomodoro) agendo in regime di infrazione, e ad estendere l’obbligo a tutte le filiere in cui è assente, a partire dall’ortofrutta sino alle carni trasformate; Ministero del cibo ovvero un’unica regia per il cibo italiano con la creazione di un solo Ministero (come in Francia) che sovraintenda alle politiche del cibo in Italia, a partire dai produttori (agricoltura) per arrivare ai trasformatori, ai distributori e ai consumatori.

E ancora, processi di semplificazione per iter amministrativi e autorizzazioni; via il segreto sulle importazioni al fine di rendere trasparenti i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero per la produzione alimentare; inoltre viene ritenuta opportuna l’istituzione di un garante per la sorveglianza dei prezzi nel settore agroalimentare. E per concludere una legge sui reati agroalimentari.

“Abbiamo voluto organizzare due incontri trasversali per dare l’occasione ai candidati - spiegano il direttore di Coldiretti Lecce Giuseppe Brillante e il presidente Pantaleo Piccinno - di chiarire la propria visione sul ruolo che l’agricoltura dovrà assumere in tutta Italia e in particolare nel Salento nei prossimi anni e anche di prendere un impegno nei confronti dei coltivatori salentini rispetto a tematiche che sono basilari per il futuro delle imprese. Ai candidati presenteremo un documento per far capire quali sono le difficoltà che gli imprenditori si trovano quotidianamente ad affrontare, ma anche le opportunità di un settore che può giocare un ruolo strategico per lo sviluppo del Salento e dell'intera Puglia”.

 

Altri articoli di "Politica"
Politica
22/06/2018
Accolto il ricorso di Prefettura di Lecce e Viminale: nel ...
Politica
22/06/2018
Dopo la presentazione del Piano trasporti per il Bacino di ...
Politica
21/06/2018
Il consigliere di opposizione chiede al sindaco di ...
Politica
21/06/2018
Nel consiglio comunale di questa mattina scontro tra ...
Un errore fare affidamento su presunte innovazioni: le tecniche per la cura della malattia sono in via di ...
clicca qui