Bando Aqp sospeso dal Tar e lavoratori licenziati, protesta in Prefettura

venerdì 19 gennaio 2018
La manifestazione organizzata dal sindacato Cobas questa mattina in via XXV Luglio per chiedere un intervento del prefetto. 

Sit-in di protesta questa mattina davanti alla Prefettura di Lecce per i dipendenti della ditta Soci della manutenzione di Aqp. La protesta, organizzata dal sindacato Cobas, nasce dal mancato riassorbimento dei lavoratori da parte delle ditte di manutenzione che sono subentrate nell'appalto. “L’Acquedotto pugliese – spiegano dal sindacato - ha emanato un bando per l’affidamento dei lavori di manutenzione dell’acquedotto che è stato aggiudicato da alcune ditte, quella uscente, tuttavia, ha presentato ricorso al Tar che ha concesso la sospensiva al bando. Nella pubblicazione e nell’aggiudicazione del bando era presenta la cosiddetta "clausola sociale” che prevede la salvaguardia del posto di lavoro tra ditta uscente e ditta subentrante nell’appalto ma al momento si è avuto solo il licenziamento dei lavoratori da parte della ditta uscente”. La problematica del mancato assorbimento dei dipendenti riguarda gli ambiti 10 (Lecce), 12 (Maglie) e 13 (Tricase).

“In questa contesa sull’aggiudicazione dei lavori, gli unici a pagare il prezzo più alto sono i lavoratori licenziati e non assorbiti dalle ditte subentranti – commenta Giuseppe Mancarella del sindacato di Cobas - di tale assurda situazione è stata già informata la Prefettura di Lecce e la Regione Puglia quale istituzione proprietaria di Aqp”.  

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
23/05/2018
Il sindacato, unitamente alle proprie Federazioni ...
Economia e lavoro
21/05/2018
Ad annunciarlo con una lettera rivolta ai sindaci di ...
Economia e lavoro
19/05/2018
Appuntamento giovedì 24 maggio per l'evento promosso ...
Economia e lavoro
18/05/2018
Il progetto prevede un'ampia area commerciale, spazi verdi ...
Un grande passo avanti nella lotta agli insestimenti: le tre tecnologie del T-Shape sbarcano a Lecce. La tecnologia ...
clicca qui