“Tre storie per non dimenticare”, il racconto della Shoah tra cinema e filosofia

martedì 16 gennaio 2018

A Salve l'iniziativa per ricordare le vittime dell'Olocausto attraverso cinema e filosofia

Nell'ambito del Mese della Memoria e in occasione dell’80° anniversario delle leggi razziali fasciste (1938-2018) , la Biblioteca Comunale di Salve, con sede in Palazzo Carida -  Ramirez,  propone alla comunità dei suoi utenti l’iniziativa: “Tre storie per non dimenticare”. Racconto della Shoah tra Cinema e Filosofia.
L’evento si articola in tre incontri di approfondimento e riflessione sul tema dell’Olocausto, nei giorni 20, 27 e 29 gennaio. 

I primi due appuntamenti avranno luogo di sabato mattina, a partire dalle ore 10.30 e consisteranno nella videoproiezione di due film dedicati. 
Sabato 20 gennaio, ore 10.30: videoproiezione del film “Train de vie” .
Sabato 27 gennaio, ore 10.30: videoproiezione del film “Storia di una ladra di libri”.
Per la visione dei film l'ingresso è libero e gratuito ma è consigliata la prenotazione.

L’ultimo appuntamento, lunedì 29 gennaio, avrà inizio alle ore 17.30 e sarà una lectio magistralis del Prof. Mario Castellana (Università del Salento).
La lectio, promossa e organizzata congiuntamente dalle biblioteche comunali di Salve e Patù, prenderà spunto dal testo Hélène Metzger “La scienza, l’appello alla religione e la volontà” (Pensa Multimedia 2014), curato dallo stesso Castellana. La filosofa della scienza Hélène Metzger, di origine ebraica, perse la vita ad Auschwitz nel marzo 1944, all’età di 55 anni. 

L'iniziativa è stata organizzata dalla Biblioteca Comunale di Salve, Imago Cooperativa e Comune di Salve.





 

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
16/01/2019
Domani appuntamento con Book Parade: “6 voci per ...
Cultura
12/01/2019
A Nardò, domani, un incontro alla chiesa di Santa ...
Cultura
08/01/2019
È stata presentata in conferenza stampa la nuova ...
Cultura
08/01/2019
Bilancio positivo per il “sistema” dei musei della città. Alla rete ...
In questi giorni alcune testate giornalistiche stanno dando molto spazio alle “linee guida per i maschi” ...
clicca qui