Arrestati nella stazione di Lecce, due curdi tornano liberi: "In fuga da carcere e persecuzioni"

venerdì 12 gennaio 2018
I due cittadini turchi, un 52enne professore universitario di Psicologia e un 27enne, erano stati trovati con documenti falsi.


Erano fuggiti dalla Turchia per evitare il carcere e la persecuzione. Due cittadini curdi, uno di 52 e l'altro di 27 anni, finirono in manette nell'agosto scorso perchè vennero trovati nella stazione di Lecce con dei documenti francesi falsi mentre tentavano di prendere un treno per Roma.
In quell'occasione scattò l'arresto obbligatorio e per i due si avviò l'iter giudiziario che li portò ad una condanna a due anni di reclusione dopo il patteggiamento. Da ieri, però, i due curdi sono tornati liberi: il gup Alcide Maritati, accogliendo l'istanza dei difensori Francesco Calabro e Mauro Spedicati, ha riconosciuto lo stato di necessità sulla base del quale hanno agito.
Il 52enne, fino all'estate scorsa, era professore di Psicologia all'università di Smirne: dopo la stretta autoritaria di Erdogan, come tanti suoi colleghi, ha saputo da internet di essere stato licenziato e i suoi documenti sono stati sequestrati. Lasciare in modo legale la Turchia e raggiungere moglie e figlio che nel frattempo erano fuggiti in Germania era impossibile. Da qui la decisione di procurarsi dei documenti falsi e passare il confine fino ad arrivare a Lecce.
Storia diversa, ma per altri versi altrettanto tragica, anche quella del 27enne: destinato al servizio di leva, è diventato un disertore ed è sfuggito all'arresto da parte della polizia turca. Il giovane rischiava di subire violenze e maltrattamenti all'interno dell'esercito come accade ad altri coetanei della sua stessa etnia. I racconti dei due e le indagini degli investigatori hanno escluso lo spettro del terrorismo e ricostruito le circostanze in cui è maturata la fuga con i documenti falsi. Nelle prossime ore il 52enne e il 27enne lasceranno il Salento e andranno in Germania e in Svizzera, in attesa che lo status di rifugiati politici venga loro riconosciuto. 
Altri articoli di "Lecce"
Lecce
18/07/2018
Nella giornata di oggi è arrivata la pubblicazione ...
Lecce
18/07/2018
Tutti i servizi estivi per assicurare vacanze sicure a ...
Lecce
18/07/2018
La decisione è arrivata con ordinanza a firma del ...
Lecce
18/07/2018
Viaggio nel Ser.t di lecce: l'intervista al dottor ...
Viaggio nel Ser.t di lecce: l'intervista al dottor Salvatore Della Bona. Una delle immagini più ricorrenti e ...
clicca qui