La magia della natività: a Santa Cesarea presepe vivente nelle grotte sulfuree

venerdì 29 dicembre 2017
Il 1° gennaio e il 6 gennaio ultime occasioni per visitare il presepe vivente nelle grotte “Sulfurea” e “Fetida”: apertura alle 16.30. 

La magia della Natività in una location d’eccezione: le grotte di Santa Cesarea.
Ultime due occasioni per immergersi nell’atmosfera natalizia e, nel contempo, ammirare le straordinarie grotte sulfuree. Il 1° e il 6 gennaio a Santa Cesarea torna la rappresentazione del presepe vivente. La ricostruzione dal vivo dell’atmosfera di un tempo, nata grazie all’impegno di don Pasquale Fracasso della parrocchia Sacro Cuore di Gesù di Santa Cesarea, sarà accompagnata anche da un’installazione fotografica relativa alla storia e alla recente riapertura della grotta Fetida, dove vi sarà la messa in scena della grotta di Betlemme. La “Fetida” è stata difatti riaperta di recente, dopo oltre 20 anni di chiusura.  La visita del presepe, sarà dunque anche occasione per ammirare questo scrigno di bellezza, finora poco conosciuto.

I visitatori entreranno quindi nel ventre della terra salentina: bisognerà  scendere ben 35 metri, fino ad arrivare al livello del mare, e poi ancora più giù, dove le pareti della grotta recano ancora le tracce dei binari utilizzati in passato per la raccolta del prezioso zolfo. Nulla di spaventoso comunque, l’accesso è semplice – con delle scalinate – e il clima piacevole. Basti pensare che la temperatura è stabilmente intorno ai 29 gradi e le acque sulfuree sono sempre calde, così da permettere potenzialmente di fare il bagno tutto l’anno. Sono queste le celebri acque benefiche che alimentano le terme di Santa Cesarea, partner dell’iniziativa, che si sono anche fatte carico della riapertura della grotta “Fetida”. Il progetto del presepe vivente, infatti, oltre ad offrire un’occasione di bellezza durante il periodo natalizio, fa parte di un più vasto progetto di destagionalizzazione di Santa Cesarea Terme. Oltre ad avere uno splendido mare, location privilegiata durante la stagione estiva, serba al suo interno un enorme potenziale, tra le 4 grotte e le sue sorgenti termali.

Non solo presepe comunque nei giorni del 1° e del 6 gennaio. Ad arricchire la visita dei presenti, saranno anche le leccornìe tipiche del Natale: saranno distribuite le tradizionali pittule e il pesce fritto.

Il progetto, che è frutto della stretta collabborazione tra il Comune di Santa Cesarea Terme e delle associazioni locali, nell’ottica della valorizzazione del territorio, riserverà uno spazio anche ai prodotti locali: a disposizione dei presenti, anche la baracca della frutta, delle caldarroste e della cioccolata calda. Per l’occasione è stato anche realizzato un libro che raccoglie la storia – seppur recente - di Santa Cesarea e di quattro personaggi determinanti per il luogo: Saverio Sticchi, proprietario della celebre e omonima villa, l’ingegnere Emilio Corti, costruttore di Villa Raffaella, Leonardo Gabriele, direttore sanitario degli stabilimenti per quasi cinquant’anni, e Alessio Bianchi, il primo parroco di Santa Cesarea. 

L’itinerario del presepe non finirà comunque nelle grotte: altri luoghi ospiteranno scorci di vita animati dai pastori e dalla rievocazione di antichi mestieri. A fare il resto, sarà il paesaggio di Santa Cesarea.

Alla realizzazione del Presepe Vivente di Santa Cesarea, patrocinato dal Comune e dall’azienda Terme spa, hanno collaborato diverse realtà del territorio. Oltre alla già citata parrocchia Sacro Cuore di Gesù di Santa Cesarea, anche la Pro Loco di Santa Cesarea Terme, le associazioni Angeli Custodi, Fratres e Amici del Belvedere,  l’Oratorio Karol Wojtyla di Cerfignano che animerà alcune serate con esibizioni a cura del laboratorio di ballo dei bambini.

Nei primi giorni di istallazione, il presepe vivente ha contato già migliaia di visitatori, confermando il successo di un’iniziativa che regala rare suggestioni. 

Il presepe vivente è aperto nei giorni 1° e 6 gennaio dalle 16.30 alle 20.30. Per l’ingresso è richiesto un contributo di 2 euro, per sovvenzionare il progetto.

Altri articoli di "Redazionali"
Redazionali
15/07/2018
Banca Popolare Pugliese promuove le nuove tecnologie del ...
Redazionali
14/07/2018
Appuntamento dal 20 al 22 luglio: cucina tradizionale e ...
Redazionali
12/07/2018
Il 14 e 15 Luglio Caprarica di Lecce aprirà le sue ...
Redazionali
07/07/2018
Quando l'opposizione scompare: il segretario cittadino di ...
Viaggio nel Ser.t di lecce: l'intervista al dottor Salvatore Della Bona. Una delle immagini più ricorrenti e ...
clicca qui