Scoperta a due passi da Lecce: torna alla luce la cripta nascosta di Torre Rinalda

giovedì 14 dicembre 2017

La pagina Salento a colori punta i fari su un luogo nascosto a due passi da Lecce: la sconosciuta cripta della marina di Torre Rinalda. Tracce della sua esistenza in antiche fonti.

Una grotta nascosta a due passi da Lecce, di cui pressoché nessuno conosceva l'esistenza, è stata portata alla luce grazie alla curiosità di Alessandro Romano e Stefano Margiotta. Il racconto della scoperta, avvenuta lo scorso febbraio, è stato reso pubblico solo ora, a permessi arrivati. Uno scrigno di storia e bellezza ora documentato, con dovizia di particolari, dalla pagina Salento a colori.

“ Perlustrando i dintorni di Masseria La Grotta, alla ricerca della cripta nascosta di cui parlano le fonti (presso Torre Rinalda, sul litorale a nord di Lecce), insieme all’amico Stefano Margiotta” racconta Alessandro Romano “notammo una zona di cava, qualche decine di metri alle spalle della masseria. Non ci convinceva il piccolo semi-ipogeo riscontrato sotto la sua torre, così tornammo in zona, e dalla strada notammo qualcosa. Tramite gli amici del Parco Rauccio, contattammo il proprietario del fondo in questione, e lo esplorammo. E’ proprio lungo il costone di roccia rimasto intatto, ai margini della cava, che si apre la famosa grotta che da il nome al complesso masserizio”. “L’ingresso era murato” continua, “ma il proprietario ce lo fece smontare. E' così che siamo entrati in una cavità non segnata da alcuna mappa, né censita dalla Soprintendenza. L'Ente però, da noi allertato, si è subito interessato, tanto da farci accompagnare nell'esplorazione dai suoi funzionari”.

Comincia così il viaggio nel luogo segreto, all'esplorazione di cavità intatte da tempo immemore:
“L’ambiente è grande, dalla forma quadrata, misura 7,50 metri per lato, la volta poggia su un grande pilastro: è interamente scavata. Sulla destra, le pareti sono ricolme di croci graffite alcune incise assai profondamente nella roccia. Sulla sinistra (rispetto all’ingresso), vi sono due giacigli, scavati e ricavati in due grandi incavi nella parete. Qui, qualcuno ci riposava tutta la parete mostra diversi incavi più piccoli, creati per appoggiare qualcosa. Sulla destra (rispetto all’ingresso), la zona delle croci graffite, vi sono invece due vani in cui sono ricavate due mangiatoie per gli animali da pascolo Anche la colonna-pilastro, è dotata di piccoli vani scavati nella roccia. Lo strato di muschi che ricopre gran parte della parete non mostra segni di affreschi, ma non posso affermarlo con certezza. Qui sopra si nota bene una delle 'caviglie' ricavate nella roccia, un foro scavato per far passare al suo interno la corda che teneva legato l’animale. Nel Capitolo di Lecce del 1672 si fa riferimento ad una grotta di 'ampie dimensioni, capace di ospitare cinque coppie di buoi', riferito alla masseria di cui sopra: non sembrano esserci dubbi, quindi: il piccolo semi-ipogeo situato sotto la torre di Masseria La Grotta non è quello che da il nome alla stessa. La grotta citata dal capitolo è proprio questa. Non era però censita, né risultava nel PPTR della Regione. In una delle foto (in gallery) c’è quello che sembra essere il primitivo ingresso alla cavità. Proprio di fronte a esso, in alto si apre un foro, praticato nella volta, forse come sfiatatoio. L’ingresso A, che per comodità ho indicato in uno schizzo fatto sul posto, è quello che mi è sembrato il primitivo e immette nella zona delle mangiatoie degli animali. Da notare le tantissime croci poste anche sopra il pilastro centrale. Accanto all’ingresso B, alcuni incavi di forma quadrata”.

“Dalla veduta esterna, si nota uno scivolo per avvicinarsi all’ingresso della grotta, di cui si nota solo l’accesso B. Questa zona (siamo a un chilometro dal mare) era interessata dal passaggio della famosa 'via dello carro' che abbiamo già visto in un altro reportage, su cui convergeva tutto il traffico delle merci agricole prodotte a nord di Lecce. L'antico tracciato in basoli, che passa proprio dalla masseria, era certamente collegato a quella via. Un pezzo di storia minima di questa zona, in cui vissero e lavorarono centinaia di contadini e di famiglie, che certo dovevano essere abituate al pensiero dell’incubo delle scorrerie turche. Oggi, le piante e i fiori di cappero coprono quel che resta di strutture a secco sorte in tutta la zona di cava circostante. Col caro amico Stefano Margiotta, geologo, ragionavamo sulla probabile esistenza di altre cavità artificiali ancora nascoste che magari, chissà, in origine formavano un villaggio rupestre, prima di finire smantellato dall’ampliamento della cava (cosa già successa altrove, come ho documentato in altri reportage, esempio di Gallipoli)”.

La grotta sembra quindi aver ospitato delle persone in passato:
“Forse c’era una piccola comunità che qui viveva in grotta, e aveva la sua chiesa. In molte altre zone, l’insediamento rupestre anticipava il sorgere della masseria cinquecentesca, come ad esempio a Macugno, o Acaya, e moltissimi altri siti. In questo caso, fa riflettere il fatto che quella che oggi sembra una semplice stalla, sia posizionata molto fuori dal muro di cinta della masseria: un controsenso, pensando alla zona molto isolata e facile preda di predoni che venivano spesso dal mare. Forse in origine era anche qualcos’altro, ma la nascita della cava ha lasciato ben poco”.

“Grazie al proprietario del terreno per il permesso accordatoci” conclude Alessandro Romano, “ed alla Soprintendenza per l’interesse dimostrato per questa piccola scoperta, testimonianza dell’antica frequentazione di questo scorcio di litorale”.

Fonte: Salento a colori


 

Altri articoli di "Luoghi"
Luoghi
17/01/2018
Tradizione, devozione, religiosità, spettacolo e folklore. Ieri alle 20 si ...
Luoghi
10/01/2018
La struttura, realizzata da Rubner Haus, è in via ...
Luoghi
05/01/2018
Appuntamento questo pomeriggio alle 16 presso il Museo ...
Luoghi
02/01/2018
Al via il 5,6 e 7 gennaio, dalle 16.30 alle 21, i nuovi ...
L'azienda, guidata da Edoardo Quarta, sarà a Rimini in rappresentanza dell'eccellenza salentina. Il team ...