Sequestrato il "Dolce Riva", la Procura indaga per abuso edilizio

mercoledì 13 dicembre 2017
L'inchiesta del pm Negro corre parallela a quella che riguarda il Twiga e si concentra sulle norme comunali di accesso al mare. 

Scattano i sigilli per il Dolce Riva di Otranto, L'esclusivo stabilimento balneare sulla costa adriatica è stato sottoposto a sequestro probatorio su disposizione del pm della Procura di Lecce Antonio Negro che ha iscritto nel registro degli indagati tre persone: l'amministratore della società, un socio e il progettista.
L'ipotesi di reato sulla quale sta lavorando la Procura è di abuso edilizio connesso alle norme comunali che regolano l'accesso al mare. Lo stesso magistrato è titolare anche dell'inchiesta che riguarda il Twiga, il cui cantiere è stato sequestrato non distante dal Dolce Riva, sempre in contrada Cerra.
Il nodo da chiarire riguarda l'uso dei terreni da parte della società e l'interpretazione del regolamento comunale sulla base del quale sono state create una piscina, un ristorante -bar e altre strutture per il noleggio di lettini e ombrelloni.
Oltre al Dolce Riva e al Twiga, gli stessi accertamenti riguardano anche il Salento Beach. Il sequeataro probatorio è stato eseguito dai carabinieri della Forestale e dalla Polizia Provinciale. 
Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
19/10/2018
Il colpo è stato messo a segno attorno alle 20 ai ...
Cronaca
19/10/2018
Nell’incontro odierno, restano le distanze tra il ...
Cronaca
19/10/2018
Le verifiche hanno permesso di individuare numerosi di ...
Cronaca
19/10/2018
Il chitarrista dei Negramaro ha registrato continui ...
 L’intervista al dottor Mangia sulle malattie dell’apparato cardiovascolare. Le malattie ...
clicca qui