Sciopero lavoratori Comdata: presidio davanti alla sede del call center

lunedì 4 dicembre 2017

È cominciato questa mattina lo sciopero proclamato lo scorso 1° dicembre dalle segreterie provinciali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom unitamente alla Rsu di Comdata Lecce.

I lavoratori con contratto full time e part time a trenta ore si sono astenuti dal lavoro nelle ultime due ore di ogni turno, mentre tutte le altre tipologie contrattuali nell’ultima ora di ogni turno: da oggi fino a domenica 10 dicembre.

Ieri mattina, i sindacati hanno tenuto un presidio davanti alla sede del grande call-center in cui lavorano circa 1.300 dipendenti. Per Salvatore Labriola, segretario generale Slc Cgil Lecce, «lo sciopero di questi lavoratori si inserisce in una tematica che non è nuova: pensiamo per esempio ai lavoratori del commercio costretti a lavorare nei supermercati la domenica o all’ultima vertenza nazionale che riguarda i lavoratori di Amazon. Questa vertenza reclama tempi di vita e tempi di lavoro coniugabili, perché lo schiacciamento non solo dei turni ma anche della flessibilità è arrivata a livelli insopportabili. Assistiamo ad un fenomeno particolare: non è l’azienda a dichiarare esuberi o licenziamenti collettivi, come accade in altre aziende del settore, ma sono i lavoratori a presentare dimissioni volontarie». Giovanni Bramato, segretario generale Fistel Cisl Lecce, spiega che si è arrivati allo sciopero «perché l’azienda non ha recepito in questi mesi di trattativa le istanze e le esigenze espresse dai lavoratori attraverso le organizzazioni sindacali. Ormai la flessibilità è insostenibile, al punto da non consentire più la conciliazione necessaria tra tempi di vita e tempi di lavoro. Ci auguriamo che con questo primo atto forte, duro, si riesca a trovare nuovamente un confronto con la controparte per trovare soluzioni ragionevoli per tutte le parti in gioco». Secondo Massimo Passabì, segretario della Uilcom Uil Lecce, «Siamo arrivati allo sciopero perché le proposte fatte dall’azienda non sono state recepite dai lavoratori. Apprezziamo lo sforzo fin qui fatto da azienda e sindacati per giungere ad una soluzione che permetta una conciliazione vita lavoro ai lavoratori di Comdata più consona alle aspettative di ogni persona. Speriamo con lo sciopero di riaprire il tavolo delle trattative che ci permetta di portare a compimento questa lotta».

Turni sbilanciati su orari pomeridiani, serali e notturni, domeniche lavorative per oltre due mesi consecutivi, turni di otto ore spezzati (sino a quattro ore di intervallo tra una prestazione e l’altra nella stessa giornata), richieste di orario straordinario e supplementare ossessive e continue a tal punto da configurarsi non più come eccezionali: è quanto denunciano i sindacati definendo una flessibilità “divenuta insostenibile” che li ha spinto ad aprire una vertenza che dura ormai da diversi mesi e che non ha mai trovato interlocutori disponibili a trovare soluzioni che rispondessero alle esigenze dei lavoratori.

La risposta aziendale che i turni di lavoro sono modulati esclusivamente sui cosiddetti “picchi di traffico”, per i sindacati, è comprensibile ma non sufficiente per le esigenze di questo sito: a loro giudizio, si dovrebbe invece implementare con lavorazioni presenti anche su altri territori che prevedono attività anche in orari mattutini. Le organizzazioni sindacali sospettano infatti che il sito di Lecce sia stato “scelto” per sperimentare nuove forme di flessibilità che in altri siti non hanno trovato proposizione e applicazione. Si assiste sempre più frequentemente a richieste di riduzione dell’orario di lavoro da parte di lavoratori nella speranza di conciliare meglio i tempi familiari e lavorativi, a diversi casi di dimissioni volontarie, a richieste continue di spostamento di commessa.

Lo sciopero rappresenta quindi “una prima necessaria e dolorosa risposta, sapendo che questo percorso si prospetta lungo e difficile, ma che non impedisce alla parte datoriale di ripristinare il confronto coi sindacati, che sempre a Lecce sono stati in grado di trovare soluzioni costruttive e soddisfacenti per tutte le parti in gioco”.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
10/12/2017
Il carcere di Lecce ospiterà il progetto "Diamo ...
Economia e lavoro
07/12/2017
L’assessore regionale commenta l’accordo ...
Economia e lavoro
06/12/2017
L’accordo è stato sottoscritto oggi a Bari da ...
Economia e lavoro
06/12/2017
L’appuntamento si è svolto a Lecce: si ...
Venerdì 22 dicembre, dalle ore 22, ristorante Nazionale a Lecce. Buon cibo e musica per una serata ...