Gheppi sparati, l'appello dell'assessore: "I cacciatori contrastino il bracconaggio"

lunedì 4 dicembre 2017
Le Guardie per l'ambiente salvano due gheppi sparati da bracconieri senza scrupoli. In cura al Museo di storia naturale di Calimera.
  
In poche ore sono ben due gli esemplari di gheppio salvati tra Lecce e Lizzanello. Vittime di carabine senza scrupoli, fortunatamente sono stati salvati dalle Guardie per l'ambiente e poi affidati alle cure del Museo di Storia naturale di Calimera. A fronte dell'aumentare del fenomeno del bracconaggio, interviene ora l'assessore Carlo Mignone, con delega tre le altre all’Ambiente.

"Agli amici cacciatori dico dovreste essere le sentinelle del territorio" sollecita l'assessore. "Questa mattina sono già due i gheppi sparati tra Lecce e Lizzanello da questi mentecatti, falsi cacciatori, che non si fermano neppure davanti alla bellezza di questi animali. Grazie a Domenico Clemente e al suo alacre contributo a fianco dell’ufficio ambiente e agli amici del museo di Calimera che cercheranno di salvargli la vita"
Altri articoli di "Fotonotizia"
Fotonotizia
18/01/2019
Il chiosco, che sorge all’esterno dell’ospedale ...
Fotonotizia
17/01/2019
A Novoli si è ripetuto, come ogni anno, il rito dell'accensione della ...
Fotonotizia
07/01/2019
La villa comunale leccese è stata chiusa nelle ...
Fotonotizia
04/01/2019
Negli straordinari scatti realizzati con il drone la meraviglia di un territorio ...
In questi giorni alcune testate giornalistiche stanno dando molto spazio alle “linee guida per i maschi” ...
clicca qui