Giannotti all’Asl: “Su Radiologia racconto da libro dei sogni. Vigileremo sulle scadenze”

domenica 19 novembre 2017

L’assessore magliese, Franca Giannotti, replica all’Asl sulla vicenda delle strumentazioni nel Distretto: “Stupita dai toni e dalle imprecisioni, ma le criticità ci sono”.

Legge con stupore le dichiarazioni dell’Asl Lecce – Direzione Distretto Maglie, apparse sulla stampa, e replica l’assessore magliese, Franca Giannotti, ai “toni” e alle “imprecisioni” dell’azienda sanitaria. “In primo luogo – afferma – non ho espresso alcuna critica ‘generica’ sull’operato dell’ente, bensì ho evidenziato delle criticità specifiche riguardanti il servizio poco funzionale presso la radiologia di Maglie”.

“Tale situazione – precisa - è determinata dall’utilizzo delle strumentazioni in argomento da parte di più medici con evidenti ricadute negative sulla serena operatività degli stessi, con cui loro malgrado, sono costretti a intervenire. Il tutto, ovviamente, si ripercuote sui cittadini utenti. Per tutta risposta ricevo il libro dei sogni in cui ci si racconta, come in ogni buona raccolta di fiabe, tutto il meglio a cui il genere umano può aspirare. L’esperienza politico-amministrativa mi ha insegnato che la programmazione è prioritaria, ma l’attuazione resta l’unico fatto concreto, tangibile ed utile alla comunità”.

L’assessore assicura di vigilare sulle scadenze che “con dovizia di particolari sono state elencate” nell’interesse “della comunità magliese e dei soggetti più vulnerabili”, tenendo conto che gli operatori sanitari e i cittadini, definiti nella nota dell’Asl come “informati”, “non mi pare – sottolinea – che saltino di gioia”: “I primi – aggiunge -, infatti, erano a dimostrare in migliaia l’altro giorno a Bari e gli ‘ultimi’ non a caso a patire tutti i disservizi che la sanità, in senso generale, a costi sostenuti, ‘offre’”.

Riguardo a quest’ultimo punto, Giannotti invita la Direzione Asl e del Distretto a un confronto pubblico a Maglie in modo che “tali cittadini ‘informati’ possono dire la loro in libertà, quella libertà che mi pare scarseggi tra i corridoi ed i reparti, in quanto l’agitazione, le velate, mica tanto, allusioni trapelate sui provvedimenti da adottare, mi hanno fatto inorridire”.

Per quanto attiene alla conoscenza delle attività del proprio settore di competenza, nell’ambito dell’Ufficio tecnico di Maglie, e in particolare l’apertura dell’Unità di degenza territoriale, l’assessore afferma che l’Asl “anche in questo si sbaglia clamorosamente, in quanto oltre che informata, io stessa mi sono attivata, ben oltre i miei obblighi istituzionali, nell’ottica di una fattiva collaborazione tra enti, per reperire la documentazione propedeutica all’espletamento delle pratiche. Accatastamento, agibilità, certificati di conformità degli impianti per le condizioni di sicurezza, ad oggi non disponibili”. 

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
05/12/2018
Nuove tecnologie sempre più “alleate” ...
Sanità
05/12/2018
Appuntamento domani nella sala azzurra della Fondazione ...
Sanità
04/12/2018
Una guida scritta da un medico con parole semplici per spiegare la malattia ai ...
Sanità
01/12/2018
L’efficacia della determina regionale slitta al 15 ...
La campagna di vaccinazione Asl contro il Fuoco di Sant’Antonio è già cominciata, ma non tutti sono ...
clicca qui