Condannato per mafia, scatta la confisca dei beni per 300mila euro

martedì 14 novembre 2017
Un 58enne di Surbo è stato condannato in via definitiva nel 2016: tra i beni confiscati anche un bar e tre abitazioni. 

Dopo il sequestro, a distanza di un anno arriva la confisca: passano allo Stato i beni di proprietà di Fernando Persano, 58enne di Surbo condannato in via definitiva all'inizio del 2016.

I beni, del valore complessivo di oltre 300mila euro sono stati confiscati nelle scorse ore dalla Direzione Investigativa Antimafia di Lecce. Persano è stato condannato per emissione di assegni a vuoto, contrabbando, furto, rapina, porto e detenzione di armi, ricettazione, coltivazione illecita di sostanze stupefacenti, usura, estorsione, lesioni personali ed in ultimo associazione di tipo mafioso.

Il provvedimento di confisca è stato emesso dal Tribunale di Lecce, Prima Sezione Penale, il 31 ottobre scorso, a seguito del sequestro operato del novembre 2016 e dopo la proposta di misura di prevenzione patrimoniale avanzata dal Direttore della Direzione Investigativa Antimafia. Si tratta dell'ultimo step di un' articolata e complessa indagine patrimoniale nei confronti del condannato che ha ricostruito i patrimoni illeciti accumulati.

I beni sottoposti a confisca sono quattro immobili, tra cui due appartamenti a Surbo e una villa a Torre Rinalda, due autoveicoli; quattro conti correnti; un deposito a risparmio e un bar.  

     

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
23/09/2018
Nel corso di un’operazione dei carabinieri è ...
Cronaca
23/09/2018
Due individui hanno messo a segno la rapina, dandosi a ...
Cronaca
23/09/2018
L’incidente è accaduto lo scorso 13 settembre ...
Cronaca
23/09/2018
Denunciato per usura ed estorsione un 45enne di Poggiardo, ...
Cause scatenanti, percentuali di mortalità e precauzioni.   La storia di una paziente salentina morta ...
clicca qui