"Mia moglie prigioniera di una setta": il caso finisce a Domenica In

martedì 7 novembre 2017

Durante la puntata del programma domenicale in onda su Rai1 la denuncia di un salentino, la cui vita è stata distrutta da una santona.

"Mia moglie è prigioniera di una setta, mi ha lasciato e ha abbandonato i nostri figli per seguire una santona". E' finito su Domenica In il caso di una donna del basso Salento, caduta in mano ad una pericolosa setta durante un periodo di fragilità. "Questi santoni approfittano delle debolezze delle persone per insediarsi nelle loro vite e strapparli alla loro quotidianità" è la denuncia del marito che a deciso di uscire allo scoperto e raccontare la storia durante il programma di Cristina Parodi. Tre anni fa la moglie è caduta in uno stato di depressione a seguito della morte del padre.
Approfittando del momento di fragilità, la zia della donna, sorella del defunto, l'avrebbe avvicinata a un gruppo esoterico convincendola di poterla mettere in contatto con il genitore. Una volta diventata adepta, avrebbe cercato di coinvolgere nella setta anche i suoi figli, di cui una ancora minorenne, i quali però avrebbero opposto resistenza e per questo sarebbero stati allontanati dalla madre. "Il motto delle sette è 'Chi non è con noi è contro di noi'. - ha denunciato il marito durante la puntata, andata in onda domenica su Rai Uno - Mia moglie odia me e i suoi figli. E' stata chiaramente plagiata, ma purtroppo nell'ordinamento italiano, il plagio non è più riconosciuto come reato". 

Qui il video della puntata: al minuto 30 l'intervista al salentino.

Altri articoli di "Tv/Radio"
Tv/Radio
24/06/2018
Nel video individuato da Filippo Montinari curatore della pagina Lecce di ...
Tv/Radio
10/06/2018
Domani riparte il programma condotto da Maddalena Corvaglia: prime riprese al Salento ...
Tv/Radio
07/06/2018
L’imprenditore ospite della Zanzara su Radio 24 ha ...
Tv/Radio
25/05/2018
Durante il programma condotto da Elisa Isoardi, ci sarà un collagamento con ...
Viaggio nel Ser.t di lecce: l'intervista al dottor Salvatore Della Bona. Una delle immagini più ricorrenti e ...
clicca qui