Lavoratrici minacciate e con salari ridotti: Tribunale condanna la società

mercoledì 11 ottobre 2017

I giudici danno ragione alle lavoratrici di una ditta di Specchia: dopo la sentenza della seconda sezione penale, l’invito del segretario generale Filctem Lecce a denunciare le ingiustizie sul luogo di lavoro.

Si è concluso con la condanna a sei anni di reclusione e al pagamento di una multa da 2mila euro il processo a carico di Paride Zippo, liquidatore della società produttrice di capi di abbigliamento «Solo Donna srl» di Specchia.

Il procedimento si è innestato sulle segnalazioni di sette lavoratrici, raccolte dalla Filctem Cgil di Lecce. Alle sole iscritte alla Cgil (costituitasi parte civile) che hanno avviato la causa, il giudice Marcello Rizzo ha riconosciuto un indennizzo per il danno subito.

Per il segretario generale della Filctem di Lecce, Giuseppe Guagnano, che quelle segnalazioni ha raccolto in prima persona nel 2011, la sentenza è il riconoscimento di un lungo lavoro: «Esprimo soddisfazione per l’esito di una vicenda assai complicata. Più volte in quel periodo abbiamo segnalato alle forze dell’ordine la situazione che si era venuta a creare in azienda: qui le lavoratrici erano costantemente umiliate, maltrattate verbalmente dal datore di lavoro e ricattate. Oggi possiamo dire che aver atteso così tanto tempo è servito», dice il sindacalista della Cgil.

«Invito tutti i lavoratori vittime di un datore di lavoro che non rispetta il contratto nazionale, che minaccia i dipendenti, che costringe a sottoscrivere buste paga fittizie ad avere coraggio: facciano come le protagoniste di questo caso e denuncino. Non abbiano paura perché la legge è dalla loro parte. E anche perché se un lavoratore ha un’alta capacità professionale, proprio come accaduto alle sette lavoratrici, non avrà problemi a trovare soluzioni lavorative alternative e più gratificanti».

Esprime soddisfazione anche la segretaria generale della Cgil di Lecce, Valentina Fragassi: «Questa sentenza ripristina legalità in una situazione di abuso nei confronti dei lavoratori, in un contesto di mancato rispetto del contratto di lavoro. Grazie all’impegno quotidiano della Filctem abbiamo riportato giustizia e rispetto per chi ogni giorno lavora e ha diritto ad una regolare retribuzione».

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
10/12/2017
Il carcere di Lecce ospiterà il progetto "Diamo ...
Economia e lavoro
07/12/2017
L’assessore regionale commenta l’accordo ...
Economia e lavoro
06/12/2017
L’accordo è stato sottoscritto oggi a Bari da ...
Economia e lavoro
06/12/2017
L’appuntamento si è svolto a Lecce: si ...
Il presidente Nazionale della Fis (Federazione Italiana Scherma), Giorgio Scarso, in visita al  Club Scherma Lecce ...