Ricerche in grotte e pozzi: nessuna traccia di Noemi. Procura indaga per sequestro di persona

lunedì 11 settembre 2017
I vigili del fuoco e le unità speciali hanno scandagliato una vasta area del Capo di Leuca per cercare tracce della 17enne di Specchia scomparsa da più di una settimana.

Cresce l'apprensione a Specchia per la scomparsa di Noemi Durini, la 17enne scomparsa nel nulla lo scorso 3 settembre. La ragazza si è allontanata da casa senza cellulare e senza documenti: l'ultima traccia certa sembra siano i fotogrammi di una videocamera che l'ha ripresa all'alba di quella domenica a bordo dell'auto del fidanzato. Il ragazzo, con il quale Noemi viveva una relazione complicata, ha raccontato agli investigatori di aver lasciato la fidanzata nei pressi del campo sportivo. Con il passare dei giorni l'ipotesi di un allontanamento volontario diventa sempre meno probabile e cresce la preoccupazione tra famigliari e amici della giovane. La Procura ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di sequestro di persona anche se al momento non c'è alcun indagato.

Vigili del fuoco, carabinieri, protezione civile, vani molecolari e Ris hanno setacciato una vasta zona del Capo di Leuca scandagliando grotte, pozzi e anche le “vore” di Barbarano dove si era diffusa la falsa notizia del ritrovamento della giovane. In mattinata una seconda riunione in Prefettura del tavolo di coordinamento delle ricerche al quale ha preso parte anche il sindaco di Specchia Rocco Pagliara che lancia un appello: “Invito tutti i cittadini a collaborare con le forze preposte e ad evitare di diffondere notizie `non fondate. Noi, tutti noi, dobbiamo pensare positivo”.

 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
22/06/2018
L'uomo aveva trafugato in due giorni 16 volumi per un ...
Cronaca
21/06/2018
Il provvedimento è stato emesso dal gip Vincenzo ...
Cronaca
21/06/2018
Operazione dei carabinieri di Campi salentina in ...
Cronaca
21/06/2018
Le indagini della Guardia di Finanza hanno fatto scattare ...
Dialogo con la psicologa Annalisa Bello: da dove nasce, come riconoscere e come curare il disturbo ...
clicca qui