Goccia fredda dall'Atlantico: da domenica netto calo delle temperature

giovedì 17 agosto 2017

Non il ritorno del gran caldo ma, anzi, l'arrivo di un nuovo peggioramento. Dopo il "break" dello scorso weekend quindi, la seconda parte di agosto prosegue con un trend diverso da quello che aveva caratterizzato la rovente prima parte di agosto.

L'anticiclone delle Azzorre, fino ad ora grande assente sulla scena europea, nei prossimi giorni si allungherà verso il Vecchio Continente permettendo a un nucleo di aria più fredda di origine nord-atlantica di andare in cut-off (goccia fredda) e scivolare lungo il suo bordo orientale investendo l'Europa centro-orientale e anche l'Italia durante il prossimo weekend.

Difficile, se non impossibile, parlare di "fine dell'estate". Tale dinamica non sembra infatti in grado di scardinare in maniera definitiva gli assentti sinottici su scala continentale. Tuttavia potrebbe essere l'inizio di una nuova fase con una maggior ingerenza dell'alta pressione delle Azzorre sull'Europa un anticiclone africano relegato a latitudini più sud-occidentali.

Il resto della settimana sfilerà via senza troppi sussulti. Fino a venerdì avremo infatti bel tempo su entrambe le nostre regioni, con il maestrale che gradualmente si attenuerà mentre le temperature aumenteranno progressivamente ma senza raggiungere valori eccessivi: avremo massime comprese fra 27 e 33 gradi con punte intorno ai 35 gradi solo sul settore ionico.

Sabato ci sarà il primo segnale di cambiamento: il tempo resterà prevalentemente soleggiato, fatta eccezione per i primi temporali pomeridiani lungo l'appennino, ma i venti ruoteranno dai quadranti meridionali con temperature in ulteriore ma provvisorio aumento: si tratterà infatti del richiamo mite che precede l'arrivo del peggioramento.

Tra domenica e lunedì le temperature torneranno dunque a scendere in maniera netta. Il calo questa volta sarà meno marcato rispetto allo scorso weekend ma ugualmente rilevante: almeno 6-7 gradi in meno rispetto ai valori odierni con temperature sotto la media stagionale. Tornerà inoltre il maestrale che soffierà sostenuto o a tratti anche forte.

Ancora presto per poter individuare intensità dei fenomeni temporali e aree colpite: si tratta anche in questo caso di una goccia fredda e molto dipenderà dalla sua traiettoria. Possibile che il vortice in quota possa raggiungere lo Ionio, aumentando considerevolmente la consistenza delle precipitazioni o che al contrario sfili lungo l'Adriatico. In qualunque caso i giorni a rischio temporali saranno domenica e lunedì con tempo che tenderà a un graduale miglioramento martedì.

Fonte MeteOne

Altri articoli di "Meteo"
Meteo
17/11/2017
Sul mar Ionio si è formato l'atteso Tlc (Tropical like cyclone): tempo ancora ...
Meteo
16/11/2017
Gli aggiornamenti modellistici serali mostrano un possibile ...
Meteo
15/11/2017
Il minimo depressionario Numa sul Tirreno centro-meridionale continua ad ...
Meteo
14/11/2017
Un'intensa ondata di maltempo investirà le nostre regioni nelle prossime 72 ore: ...
Il ristorante Nazionale di Lecce torna con i suoi live, su progetto di Carolina Bubbico. Giovedì 16 novembre ore ...