Alimenti e prodotti ittici mal conservati: sequestri in mercati, pescherie e ristoranti

giovedì 3 agosto 2017

Controlli effettuati nei mercati settimanali della provincia da parte del personale del servizio veterinario dell’area igiene alimenti di origine animale dell’Asl di Lecce.

Sequestri a raffica in mercati, pescherie e ristoranti: 80 kg di formaggi, salumi e alimenti vari mal conservati o di provenienza ignota e 30 kg di pesce non rintracciabile messi sotto sigilli in diverse operazioni.

È il frutto di controlli effettuati nei mercati settimanali della provincia dal personale del Servizio Veterinario dell’Area Igiene degli Alimenti di Origine Animale – Area Nord dell’ASL di Lecce in collaborazione con i carabinieri del Nas di Lecce. Verifiche mirate e sistematiche a tutela della Salute pubblica, svolte ogni martedì delle ultime tre settimane, per controllare che gli alimenti venduti dai commercianti ambulanti fossero ben conservati e in regola con le previsioni normative in tema di tracciabilità.

Agli uomini del Servizio Veterinario dell'unità operativa di Copertino e dei NAS, però, è bastata una verifica empirica, ossia misurare la temperatura con gli strumenti in dotazione, per individuare alimenti in cattivo stato di conservazione: formaggio e salumi con una temperatura tra i 17 e i 22 gradi centigradi, mentre quella prevista è tra 0 e 4 gradi. Di qui il sequestro, di natura penale e sanitaria, di 40 kg di formaggi e 25 di salumi vari e il deferimento di due commercianti ambulanti all’Autorità Giudiziaria per violazione dell’art. 5 lettera B della Legge 283/62 (cattivo stato di conservazione degli alimenti). Per altri 15 kg di alimenti vari, invece, è scattato il sequestro amministrativo, con due sanzioni da 1500 euro ciascuna: non è stato possibile, infatti, individuarne la provenienza, giacché privi di etichettatura e di idonei sistemi di rintracciabilità.

Cibi mal conservati e di provenienza ignota – spiegano gli operatori del Servizio Veterinario Area Nord, diretto da Sergio De Pascali - di cui è opportuno diffidare. Il consumatore, soprattutto nel periodo estivo, deve stare molto attento all’acquisto di alimenti non conservati nella maniera idonea o senza etichetta, perché le conseguenze di una tossinfezione alimentare possono essere anche gravi. 

Dai mercati settimanali ai mercati del pesce. Il Servizio Veterinario della ASL si sta muovendo con una particolare attenzione verso i prodotti ittici, il cui consumo aumenta sensibilmente d’estate. In questi giorni, difatti, sono in corso diverse operazioni in collaborazione con i militari dell’Ufficio Locale della Capitaneria di Porto Cesareo. Si tratta di una serie di controlli mirati sulla rintracciabilità dei prodotti ittici e sulla preparazione e somministrazione di pesce crudo per la prevenzione del rischio Anisakis. Nel mirino ci sono pescherie, ristoranti e lidi. «Anche in questo caso - spiega Maurizio Vetrugno, responsabile dell'unità operativa del Servizio Veterinario di Copertino - i consumatori devono sapere che è opportuno evitare di consumare specialità culinarie a base di pesce crudo che non sia stato preventivamente abbattuto a basse temperature, visto che gli effetti sulla salute possono essere molto seri. L'ingestione di larve può provocare dolori addominali, nausea, vomito, fino alla perforazione intestinale. A tal proposito il regolamento comunitario 853/2004 stabilisce per questo tipo di prodotti il congelamento a -20 gradi per almeno 24 ore».

I controlli effettuati assieme agli uomini della Capitaneria di Porto Cesareo hanno portato al sequestro di 30 kg tra pesce, ricci e cozze, privi dei requisiti di rintracciabilità, e alla contestazione di quattro sanzioni amministrative da 1500 euro ciascuna, per un totale di 6mila euro. In un’altra operazione, condotta in collaborazione con i Nas, è stata comminata la sospensione dell'attività ad un esercizio di somministrazione di prodotti ittici cotti, vista la mancanza dei requisiti previsti dalla normativa vigente. L’estate è ancora lunga e i controlli del Servizio Veterinario della ASL, in team con Nas e Capitanerie, continueranno senza sosta.

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
20/09/2017
La vicepresidente Paola Mita precisa che sia già ...
Sanità
19/09/2017
L’interruzione dei ricoveri in Ostetricia-Ginecologia ...
Sanità
17/09/2017
Il Direttore Generale dell’Asl di Lecce, a un passo ...
Sanità
15/09/2017
Il cambio di incarico deciso ieri in Regione. Si attende il ...
Nuovo sportello nel complesso universitario di via Monteroni. Nell’ambito della collaborazione tra ...