Appello del sindaco ai leccesi: "Donate il sangue". Poi si sottopone al prelievo

mercoledì 12 luglio 2017

Il sindaco Carlo Salvemini ha incontrato il primario del reparto di Ematologia e la direttrice dell’Asl Melli: poi ha accolto l’invito a donare.

Il sindaco di Lecce Carlo Salvemini ha visitato il Centro trasfusionale dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce, incontrando il dottor Nicola Di Renzo, primario del reparto di Ematologia, e la direttrice generale della Asl di Lecce Silvana Melli.

L'incontro è stato utile per fare il punto sulla disponibilità di sangue necessaria per il normale trattamento dei pazienti bisognosi di donazioni e per sostenere il carico aggiuntivo di fabbisogno che grava sull'ospedale di Lecce nella stagione estiva.

Accogliendo l'appello del dottor Di Renzo, il sindaco di Lecce ha voluto contribuire donando il sangue e testimoniando con la sua presenza la vicinanza della città al reparto e a quanti nel periodo estivo lavorano per assicurare i servizi sanitari ai cittadini salentini e ai turisti.

“Ho ritenuto di essere qui per dare il mio contributo, raccogliendo l'appello del dottor Di Renzo, perché ci troviamo in un periodo particolare dell'anno nel quale aumenta il fabbisogno di sangue – ha dichiarato il sindaco – E naturalmente invito quanti possono a recarsi al Centro trasfusionale del Vito Fazzi per fare altrettanto. Fortunatamente a Lecce la rete dei donatori è diffusa e io ringrazio i cittadini leccesi e le associazioni dei donatori che contribuiscono tutto l'anno a rifornire l'ospedale di questa risorsa fondamentale per trasfusioni e interventi chirurgici”.

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
20/06/2018
Si tratta di una tecnica mini-invasiva, detta ...
Sanità
19/06/2018
“Autismo & Qualità della vita: dalla diagnosi ai contesti di ...
Sanità
18/06/2018
Sabato 23 giugno, presso l'hotel 8+, giornata informativa ...
Sanità
16/06/2018
L’asma, una patologia che colpisce duro in provincia di Lecce. Avviato nella Asl ...
Nel salento c’e’ stato un caso di encefalite dovuto al morbillo e un altro bambino e’ stato infettato ...
clicca qui