Luci e spettacoli a Diso: nel piccolo comune torna la grande festa patronale

mercoledì 19 aprile 2017

Presentato quest’oggi il programma della tradizionale festa dei Santi patroni Filippo e Giacomo, che si terrà il prossimo Primo Maggio.  

Dopo un anno di ferventi preparativi, il Comune di Diso, piccolo centro salentino, è pronto a rendere onore ai suoi santi protettori Filippo e Giacomo, il prossimo 1° maggio). Si tratta di uno degli appuntamenti più folcloristici delle tradizioni religiose e devozionali salentine, che apre di fatto la stagione delle feste patronali.

L’evento, organizzato dal Comitato Santi Filippo e Giacomo e dal Comune di Diso, con il patrocinio della Provincia di Lecce, è stato presentato oggi, in una conferenza stampa a Palazzo Adorno, dal presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, dal consigliere comunale con delega alla Cultura Giandomenico Letizia,  dal parroco don Adelino Martella e dai componenti del Comitato Festa Giacomo Casciaro e Giacomo Cerfeda.

Il programma religioso e civile si snoderà dal 30 aprile (giorno della vigilia) al 3 maggio prossimi. Tra i momenti di particolare rilievo: il 30 aprile, alle 20, la spettacolare inaugurazione con l’accensione delle luminarie, accompagnata da musica e fuochi d’artificio per tutte le strade e le piazze del paese; il 1° maggio alle 9, la processione religiosa con la partecipazione di migliaia di fedeli, seguita, alle 10.45 circa, dal Festival dei fuochi pirotecnici.

Celebrata da più di un secolo, la Festa patronale di Diso registra ogni anno la presenza di 15mila tra devoti e visitatori e l’arrivo di oltre 40 pullman da ogni parte d’Italia e anche dall’estero. A caratterizzarla e distinguerla da altre manifestazioni analoghe sono le imponenti luminarie appositamente create dalle ditte incaricate ed installate per la prima volta in assoluto lungo le vie del piccolo centro urbano e lo spettacolo, anch’esso unico, offerto dal festival dei fuochi pirotecnici, che vede in gara le più importanti aziende italiane del settore. 

Una peculiarità evidenziata anche dal presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone che ha dichiarato: “La Festa di Diso è una ricorrenza a cui si guarda con “invidia”, perché nonostante Diso sia un piccolo centro riesce ad organizzare in maniera straordinaria una festa grandiosa e questo grazie al suo Comitato promotore, che ogni anno assume un impegno molto oneroso. Si perpetua così una tradizione, che non si limita all’aspetto esteriore dei festeggiamenti civili, ma riprende il motivo religioso e recupera quello culturale, che è ulteriore linfa. Nel Salento, quindi, Diso ha contribuito anche alla destagionalizzazione. In questo siete stati antesignani, considerando l’affluenza di visitatori in questo periodo ”. 

A questo proposito il consigliere del Comune di Diso con delega alla Cultura Giandomenico Letizia ha sottolineato: “Diso apre le danze alla bella stagione. La festa dei Santi Apostoli Filippo e Giacomo non può essere intesa come una comune festa patronale e non costituisce un mero giorno dedicato al culto dei patroni racchiuso nell’orbita delle ‘mura’ cittadine. La festa del 1 maggio di Diso, infatti, è un evento di riferimento non solo in tutta la Regione Puglia, bensì a livello nazionale”.

 

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
19/08/2017
Domani il gemellaggio tra i due comuni, per stabilire ...
Cultura
19/08/2017
Appuntamenti civili e religiosi con la tradizione. Concerto ...
Cultura
15/08/2017
Dal 6 all’ 8 settembre in Largo Porta Alfonsina gli ...
Cultura
10/08/2017
Sabato 12 agosto iniziativa culturale a San Cataldo ...
Il borgo poco distante da Otranto sui anima dei profumi e dei sapori tradizionali del Salento: da questa sera, 18 ...