Gli studenti leccesi? Respirano aria migliore ma sono più grassi ed esposti al fumo passivo

martedì 20 dicembre 2016

È quanto rivelato dallo studio Mapec-Life, condotto in cinque capoluoghi italiani, tra cui Lecce: gli alunni salentini respirano aria meno inquinata rispetto ad altre città ma sono esposti a peggiori stili di vita.

Un monitoraggio rivela che la concentrazione di inquinanti atmosferici negli alunni delle scuole di Lecce risulta la più bassa rispetto ai loro coetanei di altre 4 città in Italia.

Sono questi i risultati dello studio Mapec-Life, approvato dalla Commissione europea, che è stato condotto in cinque capoluoghi in Italia, tra cui Lecce. Questa la notizia «confortante».

La notizia che invece non fa onore ai bambini leccesi è che lo stesso studio ha evidenziato che i nostri scolari presentano la più alta percentuale di eccesso ponderale (obesi); quasi 3 su 4 (il 70 per cento) non seguono la dieta mediterranea e respirano in molti casi il fumo passivo dei loro genitori.

Ma andiamo con ordine. Nei giorni scorsi sono stati resi noti i risultati dello studio Mapec-Life, durato 3 anni, che riguardano gli effetti biologici precoci di alcuni inquinanti atmosferici sulle cellule della bocca dei bambini di 6-8 anni residenti in cinque città italiane: Brescia, Torino, Pisa, Perugia e Lecce.

Il monitoraggio è stato effettuato raccogliendo con uno spazzolino le cellule della mucosa della guancia dei piccoli. Cellule che sono state poi analizzate per valutare la presenza di micronuclei.  Il micronucleo è un biomarcatore di effetto precoce e rappresenta un indicatore di danno al Dna. Il «peso» della sua presenza indica l’esposizione a determinati fattori di rischio, che in questo caso è associata ad inquinanti come benzene, PM2,5, Ozono, SO2, e IPA.

Hanno partecipato al progetto 31 classi di 5 scuole dei tre Istituti: il IV circolo “S. Castromediano”, il V circolo “L. Tempesta” e l'Istituto delle "Suore Discepole di Gesù Eucaristico", per un totale di 241 bambini,  monitorati sia in inverno che in primavera.

I dati del monitoraggio sono stati rilevati dalle 2 centraline dell’Arpa (in piazza Libertini e in via Garigliano) ed integrati dai rilevamenti effettuati nei cortili delle scuole, con un campionatore ad alto volume ed analisi chimico-fisica e genotossica del particolato raccolto.

Ma non è tutto.

Lo studio, inoltre, è stato messo in relazione alle caratteristiche socio-demografiche e agli stili di vita dei bambini.  Dai questionari distribuiti alle famiglie degli scolari leccesi risulta che un’alta percentuale delle mamme del capoluogo fuma più o meno come gli uomini.

A questo proposito è utile ricordare – sottolineano i ricercatori del Di.S.Te.B.A dell’università del Salento che hanno condotto il monitoraggio - che l’esposizione al fumo passivo e il sovrappeso tendono ad aumentare il rischio di avere micronuclei, mentre un'alimentazione sana tende a diminuirlo.

Salute Salento ha intervistato Antonella De Donno, responsabile del Laboratorio di Igiene, Di.S.Te.B.A., di Unisalento, coordinatrice per Lecce del Progetto Mapec-Life.

«A Lecce- conclude l’igienista leccese - l’effetto biologico precoce, evidenziato nelle cellule delle guance dei bambini, e? mediamente basso. Tali effetti -  tiene a precisare -  sono evidenziabili a livello di popolazione, ma non sono predittivi di insorgenza di patologie nel singolo individuo».

Del progetto facevano parte anche Tiziana Grassi e Francesco Bagordo.

Fonte: Salute Salento

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
23/05/2017
Cerimonia di inaugurazione delle lavagne interattive multimediali,nella Scuola di ...
Scuola
22/05/2017
L’evento conclusivo a Muro Leccese vedrà come ...
Scuola
22/05/2017
La cerimonia di premiazione si è svolta a Palermo. Premiata la canzone ...
Scuola
19/05/2017
Appuntamento la sera del 23 maggio, a partire dalle 19, in ...
Il ristorante pizzeria Colapeppi, a Calimera, propone un altro giovedì di divertimento e buon cibo tra balli di ...