E al Paisiello il tamburello dei bambini suona per i nonni

sabato 10 ottobre 2009

Nell’altro tempi del teatro e della musica leccese, la bomboniera cittadina del teatro Paisiello, il ritmo del tamburello ha scandito i tempi di una festa “giovane” dedicata ai più anziani. Protagonista sul palco i Tamburellisti di Otranto, gruppo di talentuosi bambini dai tre agli undici anni coordinato dall’associazione “Music…ando” che il 2 ottobre scorso ha animato la “Festa dei Nonni” organizzata da Anna Perulli per l’Ufficio Pubblica Istruzione del comune di Lecce, in collaborazione con gli uffici scolastici provinciali.
In scaletta i baby-musicisti hanno presentato un commovente tributo alla figura di don Tonino Bello, con un brano scritto ed arrangiato da Giosy Cento che ha aperto e chiuso la manifestazione, ma anche brani più tipicamente salentini ed inseriti nella tradizione musicale della Terra d’Otranto, fra i quali l’immancabile “Kalinifta”. L’ensemble dei Tamburellisti di Otranto è formato dai solisti Filippo Leva, Gianluca Lazzari ed Alessandro Briguglio e da Arianna Patti, Anna Rosa Pasca, Enea Pasca, Ivan Lazzari, Eliseo Lazzari, Diego Briguglio, Claudio Zaminga, Marialeda Tagliapiede, Giulia Tornatola, Camilla Minerva, Mattia Rinelli, Angelo Della Monica, Francesco Della Monica, Mattia Zito, Matteo Mauramati, Kevin Giannoccolo. Ad accompagnare e guidare il concerto dei baby-tamburellisti, sul palco c’erano anche il maestro-direttore Massimo Panarese e i musicisti Dario Catanzaro all’organetto, Matteo Bello alla fisarmonica, Paolo Ricciardi alla chitarra e Francesca Portone al tamburello.

 

Daniele Greco

Altri articoli di "Spettacoli"
Spettacoli
27/05/2019
Venerdì 31 Maggio 2019 presso la Fondazione Palmieri, appuntamento con la 49^ ...
Spettacoli
21/05/2019
A Galatina stasera musica e proiezione in omaggio alla salentina scomparasa ...
Spettacoli
17/05/2019
Venerdì 17 maggio a Lecce spettacolo di canto ...
Spettacoli
14/05/2019
Giovedì 16 Maggio 2019, presso il CineTeatro ...
STC, in una sigla la patologia che affligge migliaia di lavoratori, soprattutto donne. Con l’ortopedico Stasi ...
clicca qui