Ricercatrice uccisa a Ginevra: è una 29enne di origini pugliesi

martedì 12 aprile 2016
Valentina Tarallo, questo il nome della vittima, è stata aggredita e colpita da un uomo armato di spranga.

È stata uccisa a colpi di spranga da chi voleva portarle via la borsa: è morta così Valentina Tarallo, studentessa di 29 anni, morta a Ginevra dove frequentava un dottorato di Microbiologia molecolare. La violenta aggressione è avvenuta in una strada del quartiere de la Croisette - riporta il quotidiano “Le Matin” - intorno a mezzanotte. Sempre secondo il giornale, a uccidere la donna che ha origini pugliesi, sarebbe stato un uomo di colore di età compresa tra i 20 e i 30 anni.

I genitori che vivono in Puglia sono in viaggio verso la Svizzera per riportare il corpo della loro figlia in Italia. Intanto, proseguono le indagini degli agenti della squadra omicidi svizzera: vicino al corpo della 29enne è stata trovata un bastone in ferro che, con ogni probabilità, è l’arma del delitto.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
08/12/2019
  Un altro incendio d'auto notturno ha interessato ...
Cronaca
08/12/2019
La multinazionale ha inviato una lettera al Mise ma il ...
Cronaca
08/12/2019
La mareggiata ha causato un cedimento a Nord della ...
Cronaca
08/12/2019
I dati dell'associazione Antigone: gli stranieri sono solo il 12% dei detenuti ...
Oggi siamo andati nel Centro Calabrese di Cavallino per incontrare la dietista Patrizia Gaballo, che lavora in ...
clicca qui