Mancata riqualificazione di un'area privata: Tar di Lecce dà ragione al Comune

mercoledì 30 marzo 2016

La decisione in una recente sentenza che ha accolto le tesi del Comune di Nardò contro la richiesta di risarcimento di tre cittadini che si ritenevano danneggiati per la mancata riqualificazione di un’area. 

Il Tar di Lecce, con recente sentenza, accogliendo le argomentazioni difensive dell'avvocatessa Paola Pisanò, nell'interesse del comune di Nardò, ha rigettato la richiesta di risarcimento di tre cittadini che si ritenevano danneggiati per la mancata riqualificazione di un'area privata.

Il tribunale amministrativo è tornato ad occuparsi delle aree classificate come zona F, che a seguito di una deliberazione di consiglio comunale del 23 novembre 2014, possono essere oggetto di intervento diretto da parte dei privati senza necessità di preventiva espropriazione ad opera del comune.

La richiesta di risarcimento avanzata dai tre cittadini proprietari, per un importo superiore a 600mila euro, si fondava sul presunto ritardo col quale l'amministrazione comunale era intervenuta sulla riqualificazione urbanistica dei terreni, una volta scaduto l'originario quinquennale vincolo espropriativo.

Il comune di Nardò ha dimostrato di aver avviato, già nel 2011, uno studio relativo allo stato di attuazione degli standard urbanistici del Piano Regolatore Generale.

Secondo i giudici amministrativi l'attività posta in essere dal comune di Nardò, poi confluita nella delibera di Consiglio comunale 143 del 2014, esclude che il comune possa essere esposto a istanze di risarcimento.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
03/12/2016
La tragedia sulla San Cesario – Galatina. Inutili i ...
Cronaca
03/12/2016
È successo questa mattina intorno alle 11. Sul posto le ambulanze del ...
Cronaca
03/12/2016
Marco Barba, esponente della Sacra Corono Unita, era ...
Cronaca
03/12/2016
La scoperta da parte della polizia locale di Lecce: sul ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...