Rimosso enorme alveare in Piazza Palio, ma le api non c’erano più

venerdì 18 marzo 2016

Ieri mattina l’intervento dell’apicultore Marco Faggiano che ha provveduto a rimuovere l’arnia. 

Preoccupazione per un alveare da Guinness dei primati scoperto in Piazza Palio. La segnalazione da parte di alcuni cittadini e dei Vigili Urbani: l’alveare si trovava accanto all’ingresso del Palazzetto dello Sport Comunale, troppo vicino al via vai degli studenti del Banzi, del Deledda e dei Geometri e per questo potenzialmente pericoloso.

L’intervento di rimozione ieri mattina, da parte dell’apicultore Marco Faggiano: “Nessun danno, in realtà, per le nostre amiche api -spiega l’assessore Andrea Guido- l’alveare, infatti era stato abbandonato ed erano meno di una decina le api che continuavano a ronzarci intorno.

Non è chiaro il motivo dell’abbandono dell’alveare da parte delle api. Probabilmente una piccola epidemia legata a qualche forma virale, come spesso accade in questi casi, in assenza di apicultori, avrà sterminato una popolazione che, a giudicare dalle dimensioni dei favi, doveva essere di diverse centinaia di migliaia di esemplari. La grande quantità di miele e di cera presente ancora nell’alveare lascia presupporre che fino a pochissimo tempo fa l’alveare doveva essere in piena attività”.

L’assessore invita a chiamare il front office telefonico dell’assessorato 0832 682 583 in caso di altri ritrovamenti simili: “Penseremo noi a mettere in sicurezza l’area e a spostare l’alveare con l’aiuto di esperti senza danni collaterali sia per le persone sia per le nostre amiche gialle e nere. Non dimentichiamoci mai che l’ape è vita”.

Altri articoli di "Animali"
Animali
02/12/2016
Per favorire il decoro urbano, sono stati installati i ...
Animali
29/11/2016
Lo assicura l’assessore all’Ambiente, Andrea Guido che proporrà ...
Animali
29/11/2016
Il cane del Coni valutato era stato accalappiato un mese ...
Animali
24/11/2016
Si tratta del primo esemplare trovato nelle acque del ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...