Abbandonano i rifiuti in strada, pizzicati dalle videocamere mobili: sanzioni da 400 euro

giovedì 10 marzo 2016

Diversi cittadini scorretti sono stati multati o riceveranno nei prossimi giorni le sanzioni elevate oggi da vigili e ispettori ambientali del Comune nei loro confronti.

Beccati a lasciare la spazzatura in strada. Tempi duri per i trasgressori: diversi cittadini scorretti che hanno deciso di non usufruire del sistema di raccolta differenziata porta a porta preferendo abbandonare per strada i propri rifiuti domestici, sono stati multati o riceveranno nei prossimi giorni le sanzioni elevate oggi da vigili e ispettori ambientali del comune nei loro confronti. Lo comunica l’assessorato all’Ambiente del Comune di Lecce.

 “Continua la lotta all’inciviltà da parte di questa amministrazione comunale - dichiara Andrea Guido, Assessore alle Politiche Ambientali - oggi abbiamo dimostrato che sta diventando sempre più difficile fuggire ai controlli del corpo degli Ispettori Ambientali e della Polizia Locale. Durante il corso della giornata sono state davvero tante le rilevazioni video effettuate con le nuove telecamere mobili per combattere il fenomeno degli abbandoni di piccoli rifiuti. E tanti episodi ripresi sono ora al vaglio dell’ufficio. Ma le sanzioni elevate si riferiscono tutte a situazioni di abbandono dei sacchetti della spazzatura domestica. Un paio di cittadini sono stati filmati da alcune delle telecamere di sicurezza fisse mentre altri sono stati colti in flagranza da una pattuglia di vigili in borghese”.

Gli incivili che hanno abbandonato i rifiuti in Via Sozy Carafa e Via Gioacchino Toma avranno tra qualche giorno una bella sorpresa: “Vigili e ispettori, infatti, attraverso l’ispezione del contenuto dei sacchetti, sono potuti risalire ai nominativi e all’identificazione degli stessi incivili che li avevano abbandonati. Si tratta in tutti questi casi di sanzioni di circa 400 euro, mediamente, a cui si aggiunge anche l’accertamento fiscale sui tributi comunali. Il degrado in cui stavano sprofondando le due vie in questione questa mattina al nostro arrivo era imbarazzante. Mi auguro che quello che è successo oggi possa rimanere una breve parentesi - conclude Guido - e che non ci sia bisogno di ricorrere allo strumento delle sanzioni un’altra volta”.

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
27/05/2016
Il grido d'allarme lanciato dall'imprenditrice Maria ...
Ambiente
26/05/2016
Interessante convegno tenutosi ad Alessano a partire ...
Ambiente
25/05/2016
Dopo le nuove dichiarazioni del presidente dell’Anac, ...
Ambiente
25/05/2016
Il comandante della polizia locale di Melendugno contro gli ...
Primo album per l’orchestra guidata da Michele Lobaccaro: presentazione martedì 31 maggio presso ...