“Verità per Giulio Regeni”: Unisalento aderisce alla campagna di Amnesty

mercoledì 9 marzo 2016
Da questa mattina uno striscione sulla facciata dell'Ateneo salentino per chiedere la verità sulla morte di Giulio Regeni. Unisalento aderisce alal campagna di Amnesty e la Repubblica.

Arriva anche a Lecce la campagna lanciata da Amnesty International e da La Repubblica sul caso Regeni, il giovane ricercatore torturato e ucciso in Egitto. Sulla facciata di Palazzo Codacci Pisanelli campeggia da oggi uno striscione con su scritto “Verità per Giulio Regeni”. L’Università del Salento, che ha inserito un omologo banner anche sul proprio sito, aderisce così alla campagna lanciata da Amnesty International Italia e la Repubblica per “non permettere che l’omicidio del giovane ricercatore italiano finisca per essere dimenticato, per essere catalogato tra le tante ‘inchieste in corso’ o peggio, per essere collocato nel passato da una ‘versione ufficiale’ del governo del Cairo”.

“Ci uniamo a una richiesta corale di impegno”, sottolinea il Rettore Vincenzo Zara, “perché la verità emerga, accertata in modo indipendente. Lo si deve alla famiglia, agli amici e ai tanti uomini e donne di scienza che da ogni parte del mondo chiedono solidarietà. L’attività scientifica non può essere frenata dall’intimidazione: il diritto-dovere di condurre attività di ricerca in ogni contesto, collaborando fraternamente con tutte le persone di scienza, vuol dire anche impegnarsi con urgenza e sincerità a fare emergere cosa c’è dietro la morte di Giulio Regeni”.



 

Altri articoli di "Università"
Università
15/02/2017
Dal 17 febbraio all’Ekotecne prendono il via le ...
Università
08/02/2017
La vicenda riguarda il mancato pagamento di due quote ...
Università
08/02/2017
Riconoscimento dall’Università di Valona per l’ordinario di Zoologia ...
Università
04/02/2017
L’incontro, nella giornata di ieri, con il rettore Vincenzo Zara: “Unisalento ...
In Puglia trend positivo per il turismo: presentate 326 richieste di finanziamento. Il bilancio di Bpp. Continua in ...