Archeologia giudiziaria, due pugliesi si specializzano in crimini contro la storia

domenica 6 marzo 2016

Si tratta dell’archeologa di origine tarantina, ma residente a San Cesario, Paola Tagliente e dell’ispettore di polizia Michele Sergio in servizio a Canosa di Puglia.

Scavi clandestini, compravendita illegale di progetti e reperti storici, tombaroli senza scrupoli che saccheggiano ipogei e siti archeologici d’ora due pugliesi in più come nemici. E saranno spietati perché hanno conseguito il master in “Archeologia giudiziaria e crimini contro il patrimonio culturale". Si tratta dell’archeologa leccese Paola Tagliente e dell’ispettore di polizia Michele Sergio in servizio a Canosa di Puglia: sono gli unici due pugliesi tra i tredici partecipanti al master che- partito lo scorso anno - a Viterbo, si è concluso ieri con la consegna dei diplomi.

Il master era rivolto ad archeologi e professionisti dei beni culturali interessati ad “operare – si legge sul sito del centro studi che ha organizzato le lezioni - in ambito giudiziario ed extra-giudiziario come perito e come consulente nelle attività di prevenzione, indagine e repressione dei crimini contro il patrimonio culturali”. I due pugliesi sono pronti a dare battaglia a chi sfregia la storia.

Altri articoli di "Arte e archeologia"
Arte e archeologi..
24/09/2017
L'applicazione sarà presentata durante un evento in ...
Arte e archeologi..
21/09/2017
Dal 27 settembre, ogni mercoledì,a cura di Lorenzo ...
Arte e archeologi..
20/09/2017
Domenica 24 settembre e domenica 2 ottobre appuntamento con ...
Arte e archeologi..
13/09/2017
L’orafa Roberta Risolo avrà un suo spazio espositivo nell’ambito della ...
Nuovo sportello nel complesso universitario di via Monteroni. Nell’ambito della collaborazione tra ...