Ruoli e stereotipi al femminile nelle opere del Museo Castromediano

giovedì 3 marzo 2016

Una visita guidata sperimentale nel museo per raccontare i ruoli e gli stereotipi femminili, rappresentati sui vasi, le tele e nei testi.

Una visita guidata sperimentale all’interno del Museo Castromediano di Lecce per raccontare come i ruoli e gli stereotipi femminili sono stati rappresentati nella storia attraverso le raffigurazione sui vasi, sulle tele o raccontati nei testi. Questa è la singolare iniziativa promossa dal Museo provinciale in occasione della festa della donna.

Diversi i percorsi tra archeologia, storia dell’arte e letteratura. Si parte alle ore 17.30 con il racconto di alcune figure di donne dell’antichità da cui trarre spunto per delineare stereotipi e modelli: l’Atena, al tempo dea della guerra e dell’intelligenza; la corrotta Erifile, eletta suo malgrado giudice ed arbitro, la dolce Arianna, sposa innamorata ed abbandonata ed, ancora, Antigone, la figlia devota e sottomessa e sorella ribelle.

A seguire la narrazione si sposta in età moderna con la santità di Margherita e di Maria Maddalena nel polittico di Lorenzo Veneziani; l’adultera del “Cristo e l’adultera” di Paolo Finoglio; l’artista con le opere di ago-pittura di Marianna Elmo. Infine, i due ruoli principali dell’essere donna, madre e seduttrice saranno illustrati nelle opere di Geremia Re e di Eugenio Maccagnani.

Per concludere uno sguardo ad alcune letterate e scrittrici tra ‘800 e ‘900 legate al Salento per nascita o per elezione attraverso i loro testi, prestati per l’occasione dalla biblioteca provinciale Bernardini di Lecce, da Adele Lupo a Maddalena Santoro, da Clementina Salvi Martello a Giulia Lucrezi Palumbo.

“Raccontare la donna in maniera diversa – dichiara la consigliera provinciale delegata alla Cultura, Simona Manca -, un excursus temporale che illustra come i ruoli della donna sono stati raccontati e come si sono modificati nel tempo e come, invece, alcuni stereotipi sono rimasti inalterati nei secoli”.

“Con questa iniziativa abbiamo voluto – spiega il direttore del museo Massimo Evangelista -, ancora una volta, dare una chiave di lettura moderna alle nostre opere attualizzandole e contestualizzandole al nostro territorio”. “Sarà l’occasione – conclude - per consolidare una collaborazione tra le due più prestigiose istituzioni provinciali, Museo Castromediano e Biblioteca Bernardini già sperimentata con successo in occasione delle Giornate europee del Patrimonio”.

Altri articoli di "Arte "
Arte
08/12/2016
Domenica 11 dicembre, presso la galleria fotografica ...
Arte
07/12/2016
Il 17 dicembre Art&Co Gallerie inaugurano a Bari la ...
Arte
03/12/2016
“Stare a contatto con la famiglia e le opere di un ...
Arte
02/12/2016
Sabato 3 dicembre alle 19 presso la Galleria Francesco ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...