Olio pugliese venduto come Igp toscano: 200 quintali sequestrati e 47 persone indagate

giovedì 3 marzo 2016
 L’operazione condotta dagli agenti del Corpo forestale dello Stato è stata coordinata dalla procura di Grosseto.

A rivelare che l’olio spacciato per toscano avesse invece origini pugliesi, è stato l’esame del dna condotto dagli agenti del Corpo forestale dello Stato che hanno sequestrato quasi 200 quintali di olio e posto sotto indagine una cinquantina di persone accusate di frode in commercio e contraffazione di olio con denominazione Igp, ovvero Indicazione geografica protetta.

Le imprese olivicole coinvolte nell’inchiesta, si trovano in Puglia e Toscana: si tratta di aziende dislocate nelle province di Grosseto, Firenze, Arezzo, Siena e Foggia, tutte perquisite e sequestrate. Diverso il materiale cartaceo e informatico relativo alla tracciabilità dell’olio, prelevato dagli agenti dagli uffici aziendali: saranno studiati per chiudere il quadro dell’attività di indagini che è stata molto lunga e che ha coinvolto anche il nucleo Agroalimentare e forestale di Roma.

Fonte: BariSette.it

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
27/03/2017
La decisione dei giudici si fonda sull’idea che la ...
Cronaca
27/03/2017
La decisione della Corte di Appello di Bari assolve ...
Cronaca
27/03/2017
I vigili del fuoco sono intervenuti poco prima delle 4 di questa mattina. Indaga la ...
Cronaca
27/03/2017
E'accaduto ieri pomerigio a Lecce. L'assessore Guido: ...
Il 28 febbraio scorso si è svolto presso Maestri Caffettieri, la scuola di formazione di Valentino ...