Darsena di San Cataldo, delegazione di “Possibile”: “Una vergogna per la città”

lunedì 29 febbraio 2016

Una delegazione del gruppo che fa riferimento a Civati ha incontrato gli operatori, visitando i luoghi. Dito puntato contro l’amministrazione e i suoi ritardi.

La darsena di San Cataldo come emblema del fallimento dell’amministrazione Perrone: è questo il parere espresso da una delegazione del comitato "Possibi-Le" di Lecce (con alcuni iscritti del comitato "Possibile salento a sud est" di Tricase e simpatizzanti),che pochi giorni fa si è recata sul posto per verificare la situazione.

“Ad oggi quello che si vede – precisano in una nota - è un porto impraticabile e inutilizzabile perché intasato da alghe,  pescatori bloccati nella loro attività lavorativa, deturpamento degli spazi circostanti, un’economia morente”.

La delegazione, guidata dall’ex Pd Diego Dantes, ha incontrato alcuni operatori, ascoltando le loro condizioni di lavoro: “In tutti questi anni di governo cittadino – sottolineano -,  l’amministrazione Perrone ha avuto tutto il tempo per realizzare un progetto serio e deciso di riqualificazione dell’intera zona dando così impulso a tutte le attività economiche della zona. Ed invece il nulla, ogni anno stessi problemi e stessi proclami. E la politica diventa sempre meno credibile”.

“L’amministrazione Perrone – proseguono - è caduta in un lungo letargo rapita dal sogno di trasformare Lecce in capitale europea della Cultura. Oggi però ecco il prodigio: il risveglio del governo cittadino. Ma, d’altronde, si sa che quasi sempre i miracoli avvengono solo sotto il periodo elettorale.  Infatti ad un anno dalle elezioni amministrative del 2017, in data 21 dicembre 2015, il settore Lavori Pubblici del Comune di Lecce ha pubblicato un bando di gara per l'appalto di progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di adeguamento funzionale e messa in sicurezza dell’attuale darsena di San Cataldo e riqualificazione degli spazi contermini”.

Il sospetto, per i membri di Possibile, è che si tratti di uno slancio risolutivo arrivato nel “tentativo maldestro di accattivarsi voti, in assenza di una vera progettazione per le marine e senza alcun vero impegno per cambiare veramente le cose”.

 

Altri articoli di "Politica"
Politica
10/12/2016
Alessandro Delli Noci spiega le ragioni delle sue dimissioni da assessore ...
Politica
09/12/2016
Domani mattina, durante una conferenza stampa, l’assessore spiegherà le ...
Politica
09/12/2016
Contestazioni durante la II commissione a Palazzo dei ...
Politica
09/12/2016
Il governatore pugliese è intervenuto questa ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...