Dal lungomare alla campagna di periferia, il destino delle "panchine-lapidi" di Gallipoli

domenica 28 febbraio 2016

Le panchine erano state rimosse dopo le proteste dei cittadini che ne criticavno lo stile troppo moderno e "funereo". 

Dopo ilarità e proteste, le “panchine-lapidi” di Gallipoli sono state rimosse. La decisione del commissario prefettizio della “Città Bella” è arrivata il 23 febbraio scorso.
A distanza di qualche giorno alcuni cittadini hanno notato che le panchine di pietra – donate dal Gal- erano state spostate ma non sistemate in un deposito bensì si trovavano all'aria aperta, in una zona periferica della città, tra erba, arbusti e altri “scarti”.

“Panchine nuove mai usate buttate come in una discarica” è il commento che accompagna le foto realizzate da Cosimo Trabacca che hanno fatto il giro del web.  

Altri articoli di "Fotonotizia"
Fotonotizia
19/01/2017
Nuvole inquietanti sui cieli del Salento, che annunciano ...
Fotonotizia
18/01/2017
Nessuna tregua nel maltempo che ha colpito il Salento: alla grandine si aggiunge la ...
Fotonotizia
18/01/2017
Un'imponente "shelf cloud" ha fatto capolino ...
Fotonotizia
17/01/2017
Sono arrivati in queste ore in Kosovo i regali inviati dopo ...
Dal 21 al 29 gennaio torna a Lecce il festival dell’arte e della letteratura per ragazzi per “scrutare ...