Discarica Castellino, in Regione si discute della bonifica: “Non può più essere rinviata”

mercoledì 24 febbraio 2016

Nell’incontro tenutosi nella commissione ambiente e rifiuti, ribadita la necessità di bonificare l’area, dopo che l’attività di conferimento dei rifiuti è stata già sospesa da circa 9 anni.

“La bonifica della discarica di Castellino, a Nardò, non può più essere rinviata”: è questa nella sostanza la richiesta che arriva dai rappresentanti della Provincia di Lecce e dagli esponenti politici del territorio, nell’incontro tematico avutosi quest’oggi in Regione, nella commissione Ambiente e rifiuti su richiesta del consigliere del M5S, Cristian Casili e alla presenza dell’assessore Mimmo Santorsola.

La Provincia ha ribadito come la discarica non sia in funzione ormai dal 2007, ma che, a quella interruzione, però, non sia seguita la fase di post-gestione della discarica, con tutte le attività di chiusura effettiva e di messa in sicurezza e bonifica, per evitare che questo insediamento diventi nel tempo una bomba-ambientale per tutto il Salento.

In questi anni e anche negli ultimi mesi Provincia, Ufficio Ambiente, Asl e Arpa hanno infatti analizzato a fondo la situazione del suolo e della discarica, rilevando concentrazioni di nichel e arsenico superiori alle previsioni di legge. Un fatto che riporta all’attenzione delle istituzioni la non più rinviabile questione della bonifica di queste terre e una “vera” chiusura della discarica, nel senso di una sua bonifica. L’assessore regionale Santorsola  ha garantito l’impegno a farsi carico delle criticità emerse in Commissione.

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
23/01/2017
Con 600 tonnellate di carta e cartone raccolte, Lecce vince ...
Ambiente
21/01/2017
Associazioni e cittadini insieme per salvaguardare gli ...
Ambiente
19/01/2017
Udienza il prossimo 9 marzo per indisponibilità del legale del Comune di ...
Ambiente
19/01/2017
Il 21 gennaio e il 4 febbraio un gruppo di ragazzi ...
 Giovedì 26 gennaio (ore 20.30) una divertente rappresentazione della vita quotidiana dei teatranti, tra ...