Ubriaco alla guida danneggia tre auto ferme, poi aggredisce proprietari con un cacciavite

venerdì 19 febbraio 2016

Paura questa mattina in via De Mura, dove un uomo, in stato di alterazione, ha perso il controllo della vettura finendo addosso ad altre tre macchine parcheggiate. Poi è sceso dall’auto minacciando i presenti con un cacciavite.

Ubriaco alla guida, ha persi il controllo della sua vecchia auto, danneggiando tre vetture, e poi scendendo con un cacciavite in mano, ha minacciato di morte i proprietari. Momenti di panico quelli vissuti stamattina alle 7, a Lecce, dove un uomo straniero, alla guida di una Volkswagen con targa falsa, ha terrorizzato i presenti in via De Mura, nella zona frequentata dai dipendenti del mercato ortofrutticolo.

Dopo aver sbandato e perso il controllo della macchina, è andato a sbattere con violenza contro le auto parcheggiate ai lati della carreggiata, danneggiando una station wagon, una Toyota Yaris e una Fiat Punto, tutte di proprietà di alcuni operai del mercato ortofrutticolo. Un testacoda ha fermato la corsa, bloccando la vettura in mezzo alla strada. L’uomo è poi sceso dalla macchina, brandendo un cacciavite in mano e minacciando i presenti. In particolare, ha aggredito verbalmente i proprietari delle auto danneggiate. 

Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale della sezione infortunistica e i carabinieri del comando provinciale, che hanno provveduto a bloccarlo. Nel luogo dell’incidente, anche i sanitari che hanno medicato e condotto in ospedale l’uomo.

Tra gli elementi scoperti dalle forze dell’ordine, l’auto aveva l’assicurazione scaduta dal 2010. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
01/10/2016
Ancora guai per 40enne leccese Francesco Antonelli, ...
Cronaca
01/10/2016
La truffa aveva fruttato al commercialista e ai falsi ...
Cronaca
01/10/2016
L'amministratore della società è stato ...
Cronaca
01/10/2016
Il pensionamento della pediatra rischia di mettere in seria ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...