Blitz dei Nas al “Fazzi” per scovare gli assenteisti: nessuno “pizzicato” fuori servizio

giovedì 18 febbraio 2016

Nella mattinata tre carabinieri si sono presentati nel presidio ospedaliero per dei controlli e per verificare se ci fosse qualche dipendente assenteista. Ma i dipendenti sono risultati tutti a lavoro.

Non accade solo a Sanremo, a Catania o nel Napoletano. Questa mattina, i carabinieri dei Nas di Lecce hanno fatto una visita di «controllo» alle strutture dell’ospedale leccese. Attorno alle 9 si sono presentati al direttore sanitario del presidio ospedaliero Giampiero Frassanito e hanno comunicato che si apprestavano a fare dei controlli, senza specificare, ovviamente, né in quali reparti, né riguardanti cosa.

“Sono venuti, si sono presentati e mi hanno solo detto che dovevano fare dei controlli - ha confermato il responsabile sanitario del nosocomio -, non sono tenuti a dirlo né io posso chiedere o interferire, per non inquinare o vanificare l’operazione”.

In particolare -  si è saputo -  i militari, in abiti borghesi, tre in tutto, hanno controllato la direzione amministrativa dell’ospedale, al secondo piano della palazzina di direzione. La tecnica è quella ormai consolidata in questi casi. Un piantone all’ingresso, controlla e verifica chi entra e chi esce. Intanto gli altri due si preoccupano di requisire il foglio delle presenze, stampato in automatico dal programma informatico collegato ai «badge» posti all’ingresso.

Una volta effettuata la strisciata del badge in entrata, il nome di ogni dipendente viene riportato sul foglio «requisito». Quindi, stanza per stanza, i carabinieri hanno controllato che al nome dei circa 40 impiegati sul foglio, corrispondesse la presenza dello stesso alla scrivania.

Dopo gli uffici di direzione si sono indirizzati verso i depositi, dove hanno controllato anche i magazzinieri.

Un’operazione che è durata circa 45 minuti e che, per fortuna e per diligenza degli interessati e della struttura, non ha rilevato nessuna assenza «truffaldina», a parte quelle segnalate e giustificate (malattie, permessi, ferie…).

L’assenteismo, aggiungiamo noi, si verifica maggiormente nelle strutture pubbliche situate in un contesto urbano più «fruibile»; dove vi sono supermercati, attività commerciali e altri uffici pubblici.

Al “Vito Fazzi”, se il dipendente decidesse di assentarsi per andare a fare la spesa o per altre esigenze personali, dovrebbe prendere la macchina e spostarsi a Lecce o nei comuni vicini. Si complicherebbe la vita. 

Fonte: Salute Salento. 

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
29/07/2016
Aldo Pugliese: "Non si ha volontà di ...
Sanità
26/07/2016
Ci sono 199 posti, ma gli aspiranti infermieri arrivati da ...
Sanità
23/07/2016
Le prove si svolgeranno a Bari, da lunedì 25 a giovedì 28 luglio nella ...
Sanità
21/07/2016
L’associazione “Lecce Rinasce” ...
Questo il tema scelto dagli organizzatori per la manifestazione giunta alla sua diciassettesima edizione: tanti eventi ...