Tempio crematorio a Botrugno, via libera del Comune. Trevisi (M5S) interroga la Regione

mercoledì 17 febbraio 2016
Il consigliere regionale Antonio Trevisi chiede alla Regione di intervenire per colmare il vuoto normativo. 

Il progetto del tempio crematorio di Botrugno ha ricevuto il via libera del consiglio comunale lunedì scorso ma le polemiche suscitate nella popolazione hanno messo in luce un vuoto normativo in materia da parte della Regione.

In merito si è espresso il consigliere regionale M5S Antonio Trevisi, che ha depositato, il 15 febbraio scorso un’interrogazione indirizzata all’assessore all’Ambiente Domenico Santorsola, e all’assessore alla Pianificazione Territoriale Anna Maria Curcuruto: “E’ necessario sapere in che modo la Regione intenda colmare il vuoto normativo in materia, poiché la Legge Regionale  n. 34 del 2008, e le successive integrazioni e modifiche, non contengono disposizioni riguardanti la costruzione degli impianti in cui tali cremazioni dovrebbero avvenire.
Vista la mancanza di una specifica legge regionale è utile chiarire in che termini è stato rilevato l’impatto ambientale generato dall’impianto, e se la Regione conosce e condivide quanto scritto dal Comune di Botrugno, nel progetto preliminare nel quale si precisava che mancando una normativa apposita l’impianto non avrebbe prodotto impatti ambientali importanti. E’ necessario che la Regione intervenga sulla Valutazione di Impatto Ambientale, il territorio pugliese è riconosciuto come ad alta insorgenza tumorale, e la presenza del tempio crematorio, per un periodo di 30 anni  potrebbe aggravare  la situazione”.

Altri articoli di "Politica"
Politica
26/09/2016
La decisione del voto oscillava tra il 27 novembre e il ...
Politica
26/09/2016
Il progetto nel Salento sotto la supervisione di ...
Politica
26/09/2016
I consiglieri del gruppo Conservatori e riformisti chiedono ...
Politica
26/09/2016
Le informazioni utili per il rilascio da parte di Sgm di ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...