Veleni per le amministrative di Taviano, Pd: "Primarie Ria-Palamà solo una farsa"

lunedì 15 febbraio 2016
L'iniziativa di Lorenzo Ria e Biagio Palamà suscita la dura reazione del Pd Provinciale: "Una farsa organizzata nell'affanosa ricerca di una poltrona".

“Caso Taviano”, non si placano i botta e risposta al veleno tra la Segreteria Provinciale Pd e i due promotori delle primarie per la scelta del candidato sindaco Biagio Palamà e Lorenzo Ria.
L'iniziativa di questi ultimi aveva suscitato, già nei giorni scorsi, la reazione stizzita dei vertici Pd che avevano accusato l'ex presidente della Provincia di “voli pindarici”. Oggi il nuovo affondo a firma di Mauro Maggio, responsabile enti locali e di Gabriele Abaterusso, coordinatore della segreteria.
“Chi voglia intraprendere strade diverse ha la libertà di farlo, ma non è autorizzato alle mistificazioni. Le parole sono importanti, diceva Nanni Moretti, perciò va chiarito con forza che la sceneggiata che per il prossimo 6 marzo vorrebbero mettere in scena l’On Ria & co nulla ha a che fare con la tradizione della partecipazione democratica del centrosinistra – si legge nella nota - le primarie sono sempre state il frutto di un dibattito, di un confronto democratico all’interno dei partiti e tra i vari partiti componenti il centrosinistra, e servono a scegliere la guida di una coalizione costruita su solide basi comuni, politiche e programmatiche.
Le primarie Ria/Palamà saranno invece le primarie del nulla, una farsa organizzata a tavolino da singole personalità alla ricerca disperata di visibilità e protagonismo, nell’affannata ricerca di una poltrona su cui accomodarsi. Nulla di nuovo, in verità. Sono ben lontani ormai gli anni in cui l’On. Ria era uno dei leader del centrosinistra salentino. Un centrosinistra da cui lui ha sempre e solo “avuto”, in termini di visibilità e cariche politiche, e a cui ha voltato le spalle appena avuto il timore di perdere le prestigiose poltrone su cui per tanti anni si è accomodato”.

A conclusione Maggio e Abaterusso ribadiscono l'avvertimento a tutti gli iscritti: “A norma di statuto, chiunque dovesse intraprendere strade differenti ed in contrasto col percorso democraticamente avviato dal Circolo di Taviano, sarà espulso dal Partito”.

Altri articoli di "Politica"
Politica
27/09/2016
L'associazione "Re:Common" tra i relatori ...
Politica
27/09/2016
Si è svolta presso la sede provinciale Udc di Lecce ...
Politica
26/09/2016
La decisione del voto oscillava tra il 27 novembre e il ...
Politica
26/09/2016
Il progetto nel Salento sotto la supervisione di ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...