Festival, Salento in finale con Dolcenera e il brano firmato Sangiorgi

sabato 13 febbraio 2016

Ancora in gara la cantautrice, che dopo la prima esecuzione del suo brano era a rischio eliminazione. Va avanti anche il pezzo del duo Iurato-Caccamo, firmato dalla voce dei Negramaro.

Salento ancora in gara al Festival di Sanremo. È questo il responso che arriva al termine della quarta serata della kermesse, che ha sancito il secondo vincitore (dopo il trionfo nella serata delle cover degli Stadio con l’omaggio a Lucio Dalla), ovvero Francesco Gabbani, che con la sua “Amen”, brano sull’Italia in attesa di “miracoli”, si è aggiudicato la categoria Nuove Proposte.

Resta in gara Dolcenera, la cantautrice che, dopo la prima esibizione era andata a rischio eliminazione. Questa volta, la sua interpretazione di “Ora o mai più” le ha dato il pass per la finale di stasera. Stesso traguardo ottenuto dal duo siciliano Giovanni Caccamo e Deborah Iurato col brano firmato da Giuliano Sangiorgi, “Via da Qui”, in odore peraltro di vittoria. Stando ai pronostici, la coppia è tra le favorite al successo finale.

In gara resta anche Alessio Bernabei, ex voce dei Dear Jack: c’è un pezzo di Salento anche nella sua canzone, il cui video è stato firmato dal regista di San Pietro Vernotico, Mauro Russo, con la produzione della salentina “Passo uno”  e girato a Brindisi.

A rischio eliminazione, invece, i Dear Jack con nuovo cantante, Irene Fornaciari, gli Zero Assoluto, Neffa e Bluvertigo. Tra loro, nella serata di oggi verrà ripescato solo uno.

 

Qui l’esibizione di ieri di Dolcenera

 

Altri articoli di "Sanremo 2016"
Sanremo 2016
13/02/2016
A poche ore dalla finalissima di Sanremo 2016, Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro e ...
Sanremo 2016
12/02/2016
Passo uno “riunisce” idealmente Alessio ...
Sanremo 2016
12/02/2016
Una gara nella gara durante la serata del Festival. ...
Sanremo 2016
12/02/2016
Durante la settimana sanremese, tra le tante iniziative ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...