Ufficio Inps di Gallipoli a rischio chiusura, Sel chiede incontro al commissario

sabato 13 febbraio 2016

La sede di via Alfieri sarebbe a rischio chiusura per la necessità da parte dell’Istituto di razionalizzare le spese: Massimo Esposito, segretario di Sel, chiede l’intervento del commissario e un incontro chiarificatore.

Razionalizzazione delle spese che potrebbe paventare il rischio di chiusura della sede Inps di Gallipoli: c’è preoccupazione per le sorti dell’ufficio che offre servizio a pensionati lavoratori disoccupati e liberi professionisti della città di Gallipoli e dei paesi limitrofi (Alezio, Sannicola, Tuglie, Taviano, Alliste e Racale).

Proprio per questo, Massimo Esposito, segretario cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà (circolo Luigi Cavalera), chiede un incontro al commissario prefettizio, Guido Aprea: “Con un bacino di utenza così vasto e la grande mole di lavoro svolta – scrive - tale scippo ci apparirebbe alquanto incomprensibile e ciò, anche a seguito della chiusura del tribunale e al drastico depotenziamento dell’agenzia entrate, costituirebbe l’ennesima umiliazione per la nostra città e  per tutto l’hinterland coinvolto”.

“Questa ipotesi scellerata – insiste Esposito -, però, può essere scongiurata trovando una nuova sede per l’ufficio Inps di Gallipoli che comporti costi inferiori rispetto all’attuale sede di via Alfieri giudicata sovradimensionata dal istituto stesso. A tal fine chiediamo un incontro urgente con lei e con i dirigenti eventualmente interessati per trovare quanto prima una soluzione che permetta la permanenza dell’agenzia Inps in Gallipoli”.

 

Altri articoli di "Società"
Società
27/07/2016
Le rappresentanze hanno chiesto l’attivazione sul ...
Società
27/07/2016
In onore delle vittime del Bangladesh, di Nizza, di ...
Società
26/07/2016
Cambio al vertice della Guardia di Finanza di Puglia: il ...
Società
21/07/2016
Conferenza stampa questa mattina di Cgil e Flai Cgil per ...
Tappa a Gallipoli per l'ensemble giudata da Claudio Prima. Lunedì 25 luglio, ore 21, ingresso ...