Abitazioni vecchie e in cattive condizioni, oltre 44mila in Provincia di Lecce

sabato 6 febbraio 2016

A rilevarlo è l’Osservatorio economico di Confartigianato Imprese Lecce, diretto da Davide Stasi.

Quasi 45mila abitazioni in Provincia di Lecce sono vecchie e in cattive condizioni. A rilevarlo è l’Osservatorio economico di Confartigianato Imprese Lecce, diretto da Davide Stasi. Per la precisione, sono 44.750 quelle che versano in mediocre o pessimo stato di conservazione. Nell’elenco sono comprese case unifamiliari e a schiera, ville, villette, case a schiera, palazzine in complessi residenziali e condomini o palazzine con negozi o sedi di attività economiche in genere a piano strada.

In provincia di Lecce sono ben 5.492 gli edifici residenziali costruiti prima del 1918 che si trovano in stato di abbandono e degrado. Tra quelli realizzati dal 1919 al 1945 ne risultano altri 7.483; dal 1946 al 1960 ce ne sono altri 9.056; dal 1961 al 1970 altri 9.309; dal 1971 al 1980 altri 8.974; dal 1981 al 1990 altri 3.580; dal 1991 al 2000 altri 566; dal 2001 al 2005 altri 175; dal 2006 al 2011 altri 115.

Rappresentano il 28,3 per cento di quelli che in Puglia versano nel degrado. In tutta la regione, infatti, ce ne sono oltre 158mila, di cui 30.458 nella provincia di Bari, pari al 19,2 per cento del totale. Nella provincia di Barletta-Andria-Trani sono 12.397 gli immobili (pari al 7,8 per cento); in quella di Brindisi 20.230 (12,8 per cento); in quella di Foggia 26.055 (16,5 per cento) e in quella di Taranto 24.407 (15,4 per cento).

Un’abitazione in cattive condizioni mette non solo a rischio l’incolumità dei cittadini, ma contribuisce a gonfiare la bolletta energetica delle case. Una palazzina costruita negli anni Sessanta, è certamente priva di qualunque soluzione che possa ridurre la dispersione del calore da tetto, pareti, porte e finestre. Anche i sistemi di riscaldamento centralizzati o autonomi, ma vecchi, si rivelano molto dispendiosi, inefficienti e necessitano di frequenti interventi di manutenzione.

Secondo la rilevazione di Confartigianato, infatti, il comparto residenziale incide per il 28,8 per cento sui consumi di energia, più di quanto assorbano i trasporti su strada (27,7 per cento) e l’intera industria (22,7 per cento).

Un primo provvedimento per incentivare l’adozione di misure in grado di contrastare lo spreco di risorse energetiche nel settore residenziale arrivò nel 1976, con la legge che definì i criteri di efficienza. Una maggiore spinta a migliorare le condizioni dei fabbricati può arrivare dai bonus fiscali per le ristrutturazioni edilizie (detrazione del 50 per cento sulle spese sostenute) e per il risparmio energetico degli immobili (detrazione del 65 per cento) prorogati dalla legge di Stabilità.

Altri articoli di "Società"
Società
29/09/2016
L'assessore al Traffico e alla Mobilità, ...
Società
29/09/2016
Appello delle assoziazione per una mobilitazione contro il ...
Società
29/09/2016
Un ampolla con il sangue di Papa Wojtyla sarà ...
Società
28/09/2016
Sette incontri per un sistema integrato di interventi ...
Dal 30 settembre al 2 ottobre ad Acquaviva lo spettacolo scritto e diretto dal premio Ubu Mario Perrotta: In scena ...