Xylella, fine dello stato di emergenza. Firmata l’ordinanza per la gestione ordinaria

sabato 6 febbraio 2016

Sarà competenza della Regione Puglia attuare gli interventi necessari per mitigare il rischio fitosanitario.

Fine dell’emergenza. La Xylella rientra nella gestione ordinaria, a carico della Regione Puglia. La firma del provvedimento a cura del capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, è arrivata ieri, dopo l’accordo tra la Regione Puglia e il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, e il concerto del Ministero dell’economia e delle finanze.

L’ordinanza sancisce il completo rientro nella gestione ordinaria, disciplinata dalla normativa in materia di attività fitosanitarie, in base alla quale compete alla Regione Puglia attuare gli interventi necessari per mitigare il rischio fitosanitario connesso alla diffusione della Xylella. Ciò, ovviamente, nel quadro delle prescrizioni europee e nazionali, e attraverso le strutture regionali ordinarie che hanno svolto le attività di loro competenza anche durante lo stato di emergenza, nel quadro della pianificazione predisposta dal Commissario delegato, Giuseppe Silletti, e condivisa dal Ministero e dalla Regione.

Nell'ordinanza viene, inoltre, indicato al Commissario di completare le attività amministrative connesse con le azioni svolte ed elaborare, entro venti giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’ordinanza, una relazione quello che è stato fatto, oltre che di restituire al bilancio dello Stato e della Regione Puglia le rispettive risorse non utilizzate nell'ambito della gestione emergenziale

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
29/03/2017
In una nota l’azienda punta il dito contro alcuni ...
Ambiente
29/03/2017
La multinazionale replica all’ipotesi di far ...
Ambiente
29/03/2017
Il primo cittadino di Squinzano Miccoli replica ad ...
Ambiente
29/03/2017
Tra i primi sottoscrittori: 99 Posse, Mannarino, Carolina ...
La 34^ edizione della prestigiosa gara podistica internazionale si terrà il 9 aprile a San Cataldo. E’ ...