Continua il Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca: domenica la grande sfilata

venerdì 5 febbraio 2016

Continua l’appuntamento con la manifestazione giunta alla 34esima edizione: domenica prossima attesa per la grande sfilata a Corsano.

Continua l’entusiasmo dei visitatori accorsi da tutta la regione per ammirare i carri dell’edizione numero 34 del “Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca”. L’evento è organizzato dalla Pro loco di Corsano con la collaborazione e i patrocini di Pro loco Alessano, Unpli, Comuni di Corsano e Alessano e Unione dei Comuni “Terra di Leuca”. Sponsor ufficiale Casaclima.

Dopo la prima tappa che si è svolta lo scorso 31 gennaio ad Alessano, domenica prossima 7 febbraio i carri partiranno alle ore 15 da Corsano e percorreranno via Kennedy, via Regina Elena, via Cellini, via Umberto I e via Libertà per raggiungere la centralissima piazza San Biagio. La sfilata sarà trasmessa in diretta streaming su www.radiodelcapo.it

Tre i carri in concorso, che saranno preceduti dal carro di apertura della Pro loco:

Carro del gruppo “Quelli che il macello” (carrista Carlo Morrone) con titolo «Un abisso di guai», dove viene rappresentata l’Italia che è diventata un fondale roccioso sommerso dal mare e circondato da numerosi predatori come il Polpo di Mafia Capitale, lo Squalo di Equitalia con la sua ventiquattrore e un documento di sfratto in mano, la Manta con le sardine degli immigrati e il Granchio delle tasse. Su tutti il premier Matteo Renzi, che cerca di risollevarla travestito da sub e con pochi mezzi a disposizione tra cui una fiocina rotta;

Carro del gruppo “Mir” (carrista Cesario Ratano) con titolo «À la guerre comme à la guerre», dove vengono utilizzati i personaggi dei cartoni animati Minions che simboleggiano l’essenza umana che si trova a dover affrontare ciò che ha creato. Essi sono i capi di Stato che vanno a fare una guerra da loro stessi causata. Su di loro un capo assoluto che è il drago, mentre il segno di speranza è dato da una conchiglia da cui spunta una perla.

Carro del gruppo “Quei bravi ragazzi” (carristi Francesco Antonazzo e Alessio Bravi) con titolo «Tutto il mondo è paese», dove viene affrontato il tema dell’immigrazione con le barche che cercano di raggiungere l’Italia cariche di migranti raffigurati da Minions multietnici e il popolo italiano che cerca di dar loro il meglio facendoli entrare in un bar. Campeggia una piramide capovolta dove chi dovrebbe comandare è collocato in basso e chi invece non ne ha titolo ha preso posizione in alto.

Altri articoli di "Eventi"
Eventi
02/12/2016
Arte contemporanea presentata dall’Associazione ...
Eventi
25/11/2016
Stasera lo show del gruppo comico salentino, che si esibirà nel locale magliese a ...
Eventi
24/11/2016
Presentato a Roma il programma dell'edizione 2017 della ...
Eventi
19/11/2016
Presentata stamattina a Palazzo Carafa la manifestazione in ...
Un trionfo di sapori e bellezza, tutto nel nome del cioccolato. Ci si sazia quasi prima con gli occhi che con il ...