Terme, Caroppo: “Centrosinistra boccia mio emendamento e condanna società alla fine”

martedì 2 febbraio 2016

Il capogruppo consiliare di Forza Italia vede respinto il proprio emendamento al Documento di Economia e Finanza mirato e attacca il centrosinistra: “Emiliano e i suoi vogliono la fine delle Terme”.

"Ringraziamo il centrosinistra e il non pervenuto in Consiglio regionale, Michele Emiliano, per aver decretato la fine della Società Terme di Santa Cesarea, dopo la bocciatura del mio emendamento al Documento di Economia e Finanza mirato al salvataggio di una realtà storica del territorio leccese e a scongiurare la dismissione delle quote detenute dalla Regione".

A dichiararlo è il presidente del gruppo consiliare di Forza Italia, Andrea Caroppo: “Nel Defr, infatti, -aggiunge- contrariamente a quanto annunciato dal centrosinistra, è prevista la dismissione delle quote societarie della Regione. Ciò venendo meno alla promessa fatta ai cittadini di costituire una fondazione, preservando  la proprietà”.

“Per questo – prosegue -, ho proposto un emendamento per fare marcia indietro, ma il centrosinistra l'ha bocciato. Senza se e senza ma, e soprattutto senza un perché. Una decisione, l'ennesima, che va solo contro il bene della Puglia e brucia ogni realtà importante per i territori. Noi ce l'abbiamo messa tutta -conclude Caroppo- ma a qualcuno, a troppi in questa maggioranza regionale, della Provincia di Lecce importa molto poco".

Altri articoli di "Politica"
Politica
19/01/2017
Pubblicato il Piano Triennale delle Opere del Comune di ...
Politica
19/01/2017
L'ex assessore di Palazzo Carafa a colloquio con il ...
Politica
19/01/2017
La denuncia dello Sportello dei diritti: “Allagamenti ...
Politica
18/01/2017
La gara riguardava un bacino di 50mila abitanti dei comuni di Tricase, Tiggiano, ...
Dal 21 al 29 gennaio torna a Lecce il festival dell’arte e della letteratura per ragazzi per “scrutare ...