Il progetto del tempio crematorio scatena polemiche: a Botrugno promossa una petizione

lunedì 1 febbraio 2016

Il gruppo consiliare Apertamente chiede la revoca il bando di gara in corso.

Revocare in autotutela il bando relativo al forno crematorio nel cimitero di Botrugno. Lo chiede il gruppo consiliare di minoranza del Comune di Botrugno, lanciando una petizione anche online.

I Consiglieri comunali Maria Simona Schiattino, Fabio Di Bari e Claudia Vergari, sottolineano che la popolazione botrugnese e quella dei paesi limitrofi non è stata opportunamente informata delle intenzioni dell’amministrazione, “salvo la pubblicazione delle determine sull’Albo Pretorio, che non ha garantito il giusto risalto ad un’opera di tale importanza per le nostre comunità”.

il Comune di Botrugno, infatti, guidato dal sindaco Pasquale Barone ha indetto, nelle scorse settimane, una procedura aperta per l’affidamento mediante project financing della costruzione e gestione economico funzionale di un impianto di cremazione per salme presso il cimitero comunale

La minoranza ritiene che “sia necessaria una più ampia fase di studio del progetto preliminare, di cui venga resa partecipe anche e soprattutto la cittadinanza botrugnese, così come gli organi istituzionali e le cittadinanze dei paesi limitrofi, per arrivare ad una decisione ponderata e condivisa. L’impatto ambientale e sanitario di un impianto di cremazione di tali proporzioni dovrebbe essere sottoposto a valutazioni di esperti terzi, non correlati alle parti in causa”.

Motivi sufficienti per richiedere un referendum consultivo sull’opportunità di realizzare il tempio crematorio nel comune di Botrugno. 

Altri articoli di "Politica"
Politica
23/04/2018
Il capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio ...
Politica
23/04/2018
L’assessore interviene sulle preoccupazioni espresse ...
Politica
23/04/2018
Il capogruppo del M5S interviene sulla tempistica dei ...
Politica
22/04/2018
I consiglieri regionali del centrodestra Caroppo, Manca, ...
L’amaro non fa digerire e il vino non fa buon sangue: i principali luoghi comuni sull’alcol sono delle fake ...