Una vita per lo studio di Vaste: cittadinanza onoraria a Gianni Carluccio

sabato 30 gennaio 2016

Alla sua attività di uomo attento e curioso si deve l’interessamento dell’Università del Salento a Vaste da cui è partita la scoperta e la rinascita dell’antica città messapica.

Poggiardo ha un concittadino in più. Il Comune messapico ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria a all’ingegnere Gianni Carluccio

Nato a Lecce il 2 aprile 1952, ha legato in maniera indissolubile a Vaste il suo nome dimostrando un amore viscerale per la città messapica tanto da essere considerato dai più nativo di Vaste. I suoi studi infatti, nel campo dell’archeologia e della valorizzazione dei beni culturali, sono stati rivolti in particolare all’antica Città di Vaste e della cultura messapica.

Alla sua attività di uomo attento e curioso si deve l’interessamento dell’Università del Salento a Vaste da cui è partita la scoperta e la rinascita dell’antica città messapica e dei suoi tesori.

“L’ingegnere Carluccio - dichiara il sindaco di Poggiardo Giuseppe Colafati - è stato il fautore appassionato di una nuova era per Vaste facendone rimbalzare il nome e il prestigio nelle più importanti università e autorevoli consessi di archeologia nazionali e internazionali. Il suo lavoro ha tra l’altro permesso alla nostra comunità di conoscere meglio se stessa, ciò che è stata e la storia che le appartiene, e di prenderne piena consapevolezza”.

La cerimonia si terrà domani, alle ore 10.00, nella sala conferenze “Renato Circolone” del Palazzo della Cultura alla presenza di amministratori, cittadini e operatori culturali.

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
17/04/2018
L'Apulia cinefestival network ha nominato l'attrice come ...
Cultura
17/04/2018
Il 21 e 22 aprile, dalle ore 15, primo appuntamento con la ...
Cultura
17/04/2018
Doppio appuntamento a Lecce con il presidente del Centro Studi Livatino Mauro ...
Cultura
16/04/2018
Comune e Curia lavoreranno insieme per un progetto ...
Anche il cuore dei grandi calciatori di “serie A” va nel pallone. Eppure, siamo sempre stati abituati a ...