Evade dai domiciliari per andare a pranzo dalla nonna, 36enne lascia avviso sul citofono

venerdì 29 gennaio 2016

Ad accorgersi della singolare trovata una volante intenta a controllare il territorio.

Era ai domiciliari, ma al pranzo della nonna non voleva proprio rinunciare. E così ha pensato bene di lasciare un biglietto di reperibilità sul citofono di casa. La singolare vicenda è accaduta a Lecce. Sono stati alcuni agenti delle volanti a trovarsi di fronte al cartello, quando sono andati a controllare G.F. 36enne, ai domiciliari per scippo. Arrivati presso il luogo dove l’arrestato doveva scontare gli arresti domiciliari, i poliziotti sono stati accolti da un grande e ben visibile cartello che invitava a bussare o a telefonare ad un cellulare visto che il campanello non era funzionante, con la firma apposta con un pennarello rosso.

Il 36enne chiamato telefonicamente, ha dovuto ammettere di trovarsi a casa della nonna, a circa 3 km di distanza.

Gli agenti si sono recati all’indirizzo fornito trovando l’arrestato intento a consumare il pranzo con la propria nonna.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
16/01/2017
L'allarme è scattato poco prima delle 3 in una via ...
Cronaca
15/01/2017
I controlli della Polizis Locale di Lecce si sono ...
Cronaca
15/01/2017
L'intervento dei vigili del fuoco è scattato alle 3 di questa notte. Incerta la ...
Cronaca
14/01/2017
L’equivoco scatena un putiferio, l’episodio ...
Non solo caffè da Quarta Store. Lo storico brand leccese, vero manifesto per il Salento, è ...