Palazzo Comi, il Ministero richiede di conoscere la destinazione futura dei libri

mercoledì 27 gennaio 2016

La direzione centrale vuole un atto aggiuntivo all’autorizzazione concessa.

Ci sarà bisogno di un atto aggiuntivo all’autorizzazione concessa, a salvaguardia dei beni archivisti e bibliografici conservati a Palazzo Comi e che consideri la destinazione specifica degli stessi. Lo scrive il Ministero dei Beni Culturali in una nota inviata agli enti interessati che dovranno gestire la casa di Lucugnano.

Una richiesta che, si va ad aggiungere alle prescrizioni della Soprintendenza che impedirebbero la concessione ad attività di ristorazione. Secondo il Comitato per Palazzo Comi, è la dimostrazione che il bando della Provincia di Lecce per l’affidamento trentennale è “sempre più un colabrodo”. 

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
25/02/2017
La direttrice di Paysage, Novella Cappelletti, al fianco degli organizzatori con ...
Cultura
24/02/2017
Uno speciale “open day” per ricordare la figura del Presidente della ...
Cultura
23/02/2017
Il 2 marzo lo scrittore e intellettuale Erri De Luca ...
Cultura
20/02/2017
Non è una biblioteca ma un luogo di scambio: il ...
Il Consiglio di Amministrazione della "Popolare Pugliese" ha approvato la situazione economica e patrimoniale ...