Braglia,vittoria che fa morale: “I ragazzi erano tristi, ma ottimo gioco e 3 punti meritati”

lunedì 25 gennaio 2016

Un Piero Braglia soddisfatto, e non potrebbe essere diversamente dopo una delle migliori gare del suo Lecce, si è presentato nella conferenza stampa del postpartita per analizzare l’incontro nettamente vinto dai suoi ragazzi con la Juve Stabia.

Braglia ha esordito dicendosi contento di vittoria e prestazione dopo un periodo non semplice: “Quest’oggi abbiamo giocato da vera squadra, esprimendo un grande calcio come sappiamo fare, ma come non semplice è facile farlo. Stavolta ci è andata bene, meglio che nelle ultime occasioni con Lupa Castelli e Fidelis Andria, dove i ragazzi ci provarono comunque senza però rendersi protagonisti del gioco in campi non certo adatti a noi. Dopo quel doppio pareggio i ragazzi erano tristi, e non hanno trovato modo migliore di reagire. Surraco ha fatto bene, così come Doumbia che prima non ho potuto impiegare perché non in condizione, ma c’è in realtà da sottolineare la prova di tutta quanta la squadra. La Juve Stabia? Con loro ho passato momenti bellissimi che mai rinnegherò perché sono stato benissimo, ma il lavoro è sempre lavoro. Sull’operato arbitrale preferisco non intervenire, anche se la condotta non è stata delle migliori e non se ne parlerà solo perché il risultato è stato favorevole”.

Il tecnico toscano si è poi pronunciato sulla situazione di classifica: “Ci troviamo ad inseguire perché davanti a noi ci sono avversari che hanno fatto meglio dal punto di vista dei risultati, anche se io firmerei per vincerle tutte in casa e pareggiarle tutte fuori. Chi pensa che il Lecce possa ammazzare il campionato è fuori strada, perché noi siamo al livello di tre-quattro altre squadre che stanno vincendo perché sono forti. Noi siamo comunque lì grazie ai più che buoni risultati raggiunti fino ad oggi, e ce la stiamo giocando”.

Mister Braglia non ha mancato di dire la sua sul mercato: “Personalmente non farò richieste alla società. Penso che interverremo solo in caso di partenze come potrebbe essere quella di Beduschi, ma se poi ci sono elementi che vorrebbero giocare di più possono tranquillamente chiedere di andar via. Nella mia squadra non voglio chi crea problemi nello spogliatoio sbagliando comportamento, perché nessuno ha il posto assicurato”.

Fonte: Salentosport.net

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
23/09/2016
Il derby tra Lecce e Foggia del 31 ottobre prossimo, così come quello tra Taranto ...
Calcio
19/09/2016
Per la prima volta dall’inizio del campionato non ...
Calcio
19/09/2016
Dopo quattro gare ricche di emozioni, di gol e soprattutto ...
Calcio
18/09/2016
Due gare interne consecutive sono un’occasione da non ...
A Cavallino, venerdì 23 settembre, Enrico Lo Verso a Casina Vernazza per un omaggio a Luigi Pirandello: in scena ...